omicidio Bernice Cassar

“Hanno ignorato le sue richieste di aiuto”: Bernice Cassar, la madre uccisa dal suo ex

Bernice Cassar, madre di 40 anni uccisa dal suo ex con colpi di arma da fuoco: lo aveva denunciato alle autorità

È diventato quasi impossibile contare i tremendi episodi che stanno accadendo nell’ultimo periodo. Un’altra madre di 40 anni, Bernice Cassar, ha perso la vita per mano del suo compagno.

omicidio Bernice Cassar

La scoperta è avvenuta nella zona industriale Corradino, a Malta. Al termine dell’ennesima lite con il suo compagno, qualcosa ha scatenato l’ira dell’uomo, che ha deciso di mettere per sempre fine alla sua vita.

La loro relazione era arrivata ad un punto fermo, tanto che Bernice Cassar lo aveva anche denunciato alle autorità.

Gli agenti si sono subito messi sulle tracce dell’uomo e grazie alle telecamere di sorveglianza delle strade, sono riusciti a rintracciarlo.

omicidio Bernice Cassar

La famiglia è addolorata e allo stesso tempo infuriata, i parenti hanno puntato il dito contro le forze dell’ordine, che non hanno risposto alla richiesta della donna come dovuto. Nei giorni precedenti si era recata a sporgere denuncia, ma nessuno ha mosso un dito. Aveva denunciato il suo ex per violenza domestica.

Nessuno ha visto quello che è davvero accaduto tra i due, alcuni testimoni hanno raccontato di aver sentito dei colpi di arma da fuoco.

La vicenda ha fatto il giro del mondo in breve tempo attraverso social network, per sottolineare ancora una volta l’importanza di un intervento immediato a seguito della denuncia di una donna o della denuncia di qualsiasi altra persona nei confronti di un pericolo.

omicidio Bernice Cassar

Non è la prima volta che la fine di una relazione si trasforma in una tragedia indimenticabile. La lista delle donne a cui è stata strappata via la vita è molto lunga. Tra le ultime ricordiamo Alessandra Matteuzzi, anche lei aveva sporto denuncia alle autorità.

Il suo ex, Giovanni Padovani, l’ha attesa sotto alla sua abitazione e si è accanito su di lei prima a mani nude, poi con un martello e infine con una panchina in ferro battuto. Poi ha atteso le autorità e si è fatto arrestare.