Il racconto del matrimonio di Stephanie

Il racconto di Stephanie, sul suo matrimonio e su quello che è accaduto dopo

Home > Attualità > Il racconto del matrimonio di Stephanie

“La mattina del mio matrimonio, ero felice. Avevo organizzato tutto, in ogni minimo dettaglio. Nonostante tutto, non riuscivo nemmeno a ricordami il mio nome. Alla fine, la mia damigella d’onore, è entrata nella mia stanza. Mi stavano sistemando i capelli ed il trucco.

il-racconto-di-Stephanie

Dopo poco, sono venute anche mia madre e mia suocera. Le mie amiche, mi hanno dato un cocktail in mano e tutto stava scivolando in un secondo. Tutto era come avevo sempre sognato. Ho chiesto alla mia mamma, di andare a trovarmi un caffè, visto che quello che servivano in quel posto, non era affatto buono. Io e lei, ci conoscevamo bene, a causa di tutte le discussioni che abbiamo avuto. Una volta che ha trovato il caffè, tutto era tornato alla normalità. Avevo indossato il mio abito da sposa e tutto stava prendendo forma. Era tutto come nella favola di Cenerentola. Quando è arrivata la mia macchina, io sono salita insieme a mia madre. Volevo che mi accompagnasse lei, durante la navata, visto che avevo perso mio padre diversi anni prima. Per lei era un onore, infatti era molto felice. Poi, è arrivato il momento. Io ero sottobraccio a mia madre e tutto stava scorrendo molto velocemente. Avevo in mente, di dirle quanto l’amassi, ma avevo un nodo in gola. Le ho detto: “Mamma non posso guardarti, perché se lo facessi piangerei.” Poco dopo, la chiesa è finita e ci siamo ritrovati al ristorante. La musica ha iniziato a suonare e tutti i nostri invintati, erano felici. Mio marito, ha fatto ballare molto mia madre ed i suoi occhi, erano bellissimi.

il-racconto-di-Stephanie1

La mattina dopo, eravamo sposati. Eravamo stanchi, ma quando abbiamo iniziato a fare le cose da marito e moglie, la pigrizia è sparita. Dopo quattro mesi, il giorno del nostro anniversario, ho ricevuto una chiamata che ha cambiato la mia vita per sempre. Mi hanno detto: “Steph, mamma sta male, devi tornare a casa!” Solo con quelle parole, ho capito che tutto stava cambiando di nuovo.

il-racconto-di-Stephanie 2

I trenta giorni dopo, per me sono durati un anno. Mia madre è stata ricoverata in terapia intensiva ed io stavo con lei ogni giorno. Lei non poteva rispondermi, per questo facevo tutto da sola. Ho pianto, ho parlato, ho riso ed ho urlato. Il giorno del mio matrimonio, sembrava solo un ricordo in bianco e nero. Un mese dopo, la mia amata mamma, mi ha lasciato a causa di complicazioni dovute alla tiroidectomia.

il-racconto-di-Stephanie 3

Durante il processo del dolore, sto provando in tutti i modi a non rimproverarmi le cose che ho detto e che non ho detto, nel giorno del mio matrimonio. Dovevo dirle che l’amavo e dovevo guardarla negli occhi, mentre stavamo percorrendo insieme quella navata. Non perderò mai la vista di tutto quello che avevamo.

il-racconto-di-Stephanie 4

La vita mi ha fatto conoscere il suo amore e anche se ci sono state delle imperfezioni, per me, lei è stata perfetta! Stephanie Molina Ceccarelli.

Potete leggere anche: Il matrimonio di David e Heather

Fonte: Huffpost