Cosa ha spinto il padre ad accoltellare Joseph Capriati

Joseph Capriati, accoltellato dal padre: come e perché si è scatenata la lite e le reali condizioni del dj

Lo zio di Joseph Capriati dichiara: "È sotto osservazione ma sta bene e riesce a parlare anche al telefono"

Era lo scorso venerdì sera quando Pietro Capriati, agente di Polizia Penitenziaria in pensione, a seguito di una lite casalinga, ha accoltellato suo figlio Giuseppe, più noto come Joseph Capriati. La ferita provocata dal genitore al figlio 33enne è stata subito dichiarata di grave entità. Fortunatamente, però, non ha posto il noto dj e produttore in pericolo di vita.

Cosa ha spinto il padre ad accoltellare Joseph Capriati
Credit: josephcapriati – Instagram

La notizia ha sconvolto l’intero mondo della musica elettronica, genere in cui Capriati si muoveva ormai da tantissimi anni e del quale è diventato uno dei maggiori esponenti a livello mondiale.

Credit video: Just Techno – YouTube

Residente ad Ibiza ormai da molti anni, come tutti i suoi colleghi Joseph stava attraversando un periodo di stop, dovuto alle norme anti contagio che hanno chiuso tutti i locali notturni da molti mesi. Per questo motivo, aveva deciso di tornare a casa, in provincia di Caserta, per trascorrere del tempo in famiglia.

Cosa ha spinto il padre ad accoltellare Joseph Capriati
Credit: josephcapriati – Instagram

La serenità familiare, però, si è improvvisamente trasformata in ostilità, e venerdì sera, intorno alle ore 21:00, tra le mura domestiche è accaduto l’impensabile.

La dinamica dell’accaduto

Cosa ha spinto il padre ad accoltellare Joseph Capriati
Credit: josephcapriati – Instagram

Il famoso deejay Joseph Capriati, secondo quanto ricostruito dalla Polizia di Caserta, aveva iniziato un’accesa discussione con sua madre. Ad intervenire in soccorso della donna è stato poi il marito, colpito con un pugno in faccia dal figlio. A quel punto, reagendo, Pietro Capriati ha impugnato un coltellaccio da cucina ed ha colpito suo figlio con un fendente al torace. La ferita, molto profonda, ha interessato i polmoni ed ha reso necessario l’immediato trasferimento del musicista all’ospedale della provincia campana.

Smentita quindi quella voce che si era diffusa inizialmente, che vedeva come autore del violento gesto il fratello del DJ, coperto poi dal padre 61enne.

Le reali condizioni di Joseph Capriati

Vi ringraziamo di cuore per l’affetto che ci state dimostrando. Fan, colleghi e amici. Ci teniamo a rassicurarvi che…

Posted by parallel on Saturday, January 9, 2021
Credit: parallel – Facebook

Fin dall’inizio è circolata una voce riguardante anche le condizioni di Joseph, che a detta di alcuni erano davvero molto critiche.

Come spiega lo zio del Dj, è vero che le sue condizioni erano abbastanza gravi. Vero anche che è stato necessario un intervento per drenare il polmone perforato, ma comunque attualmente non è più in pericolo grave di vita.

Intervistato da alcuni giornalisti, lo zio di Capriati ha dichiarato che sta bene, è sotto osservazione e riesce anche a parlare al telefono.

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"