Julen, si indaga per omicidio

Il caso non è stato trattato come un incidente, bensì come omicidio colposo

Home > Attualità > Julen, si indaga per omicidio

La storia di Julen Rossello ha lasciato un grande dolore nel cuore di tutto il mondo, che ha pregato per giorni affinché il bambino caduto nel pozzo a Malaga, venisse ritrovato vivo. Purtroppo sappiamo che non è ciò che è accaduto, poiché il corpo del bambino è stato rinvenuto senza vita.

Da quel momento è stato dato il via alle indagini. Il caso non è stato trattato come un incidente, bensì come omicidio colposo, poiché il pozzo non era “protetto”. Secondo la testimonianza di Antonio, primo sospettato e l’uomo che si occupava della manutenzione del pozzo, quest’ultimo era chiuso con un blocco di cemento. In realtà, c’era anche un altro pozzo presente nel terreno in cui è avvenuto l’incidente. In nessuno dei due c’era dell’acqua, ma venivano soltanto utilizzati per la verifica delle condizioni del terreno, per una futura costruzione. Come ricorderete, durante il recupero del corpo del bambino, i soccorritori sono stati ostacolati da una specie di tappo, che è stato poi analizzato. Oltre ai detriti e ai materiali all’interno del pozzo, quest’ultimo, però, non conteneva nessun materiale che avrebbe potuto far parte di questo blocco di cemento all’entrata del pozzo. Tutti si sono insospettiti verso Antonio, perché nei giorni successivi all’incidente, è scomparso, ma l’uomo si è giustificato dichiarando che gli era stato detto che la sua presenza non era necessaria e che per qualunque cosa sarebbe stato contattato. Altro indagato, è il proprietario del terreno, David Serrano. Anche quest’ultimo ha dichiarato che entrambi i pozzi erano inaccessibili, chiusi con sicurezza con un blocco di cemento pesante.

Le indagini continueranno, al fine di stabilire se chiudere il caso come incidente o se accusare qualcuno di omessa copertura del pozzo e quindi omicidio.

Oltre al materiale all’interno del pozzo, le autorità analizzeranno anche i video e le immagine che i robot hanno ripreso in profondità.

Gli scavi hanno rallentato le indagini, per via delle esplosioni, che hanno portato solo cumuli di macerie.

Per chi non conosce tutta la storia di Julen, può leggerla qui: SPAGNA: tutti in ansia per Julen il bimbo caduto nel pozzo