Anastasia Tropitsel è morta

La blogger russa Anastasia Tropitsel, è morta a causa di un incidente in moto a Bali

La famosa blogger Anastasia Tropitsel è morta a Bali: era in vacanza con il fidanzato ed ha avuto un incidente con la sua nuova moto

La famosa blogger russa Anastasia Tropitsel, è morta a Bali. Era in moto, quando all’improvviso ha perso il controllo del mezzo e si è schiantata. Aveva solamente 18 anni e già da 3 anni, era diventata molto conosciuta sui social. Era riuscita a guadagnare una grande somma di denaro ed aveva più di un milione di follower. Il suo vero nome era Anastasia Zubrina.

Anastasia Tropitsel è morta

La ragazza era in moto con il suo fidanzato, che era dietro di lei con la sua bicicletta. Secondo il racconto del giovane, stava andando ad una velocità di circa 80-100 chilometri orari.

Quando all’improvviso ha perso il controllo della sua nuova moto, una Kawasaki Ninja 250 ed è andata a schiantarsi. Ha riportato gravi ferite alla testa.

Anastasia Tropitsel è morta

Infatti i soccorritori intervenuti sul posto, ne hanno potuto dichiarare solamente il decesso. Sul luogo dell’incidente, sono arrivate anche le forze dell’ordine, che stanno lavorando per ricostruire la dinamica dell’accaduto.

Anastasia era una famosa travel blogger. Si trovava a Bali proprio per far vedere ai suoi follower tutta la zona. Cercava di incoraggiare tutti a superare le loro paure. Molto spesso diceva:

Ti sfido a fare ciò che non puoi. Voglio far crescere le vostre ali, affinché siate liberi!” Il padre non approvava affatto la sua scelta di vita. Infatti, secondo il racconto di alcune persone, le diceva sempre di trovarsi un lavoro.

Anastasia Tropitsel è morta

Era arrabbiato con la ragazza e sperava che riuscisse ad ascoltare le sue parole. Il giorno dell’incidente Anastasia era con il suo fidanzato Viktor Maydanovich, di 30 anni, a fare un giro per la città. È stato proprio lui a raccontare l’accaduto sui social con un post. Ha scritto:

La mia amata fidanzata non è più con noi. Per favore, amici miei, vi chiedo di mandarle il vostro ultimo saluto, tramite la meditazione. Per me e per lei è molto importante.

Anastasia Tropitsel è morta

Anastasia era sulla sua moto ad una velocità di 80-100 chilometri orari, lungo una strada principale, dove tutti vanno a tale velocità. Ha sempre guidato in modo sicuro e preciso, ma all’improvviso ha perso il controllo del veicolo”

Ennio Morricone: il necrologio se l'era scritto da solo, il testo è struggente

Ennio Morricone: il necrologio se l'era scritto da solo, il testo è struggente