La neonata partorita in casa a Vitinia non ce l’ha fatta

La neonata partorita in casa due giorni fa, è morta in ospedale. La mamma è accusata di omicidio. Ecco cosa è successo.

Home > Attualità > La neonata partorita in casa a Vitinia non ce l’ha fatta

Lo scorso 19 gennaio, a Vitinia (Ostia), una donna italiana di circa 30 anni, ha partorito la sua bambina in casa, ma poco dopo la piccola è arrivata in gravissime condizioni, all’ospedale Bambino Gesù di Roma. I medici hanno fatto tutto il possibile, ma ieri la neonata è stata dichiarata morta. I medici si sono subito resi conto che sul suo corpo e sulla testa, c’erano dei delle gravi ferite ed hanno richiesto l’immediato intervento delle forze dell’ordine.

La donna adesso è accusata di omicidio ed è stata arrestata. Si e’ giustificata dichiarando di non sapere di essere incinta e spiegando che la bambina è caduta a terra dopo il parto. Quando i soccorritori sono giunti sul posto, hanno trovato la neonata che aveva ancora il cordone ombelicale attaccato alla placenta e che era stata avvolta in un asciugamano. È stata la nonna a lanciare l’allarme, dopo che è entrata nella stanza ed ha visto la scena.

Gli agenti adesso stanno indagando sulla vicenda, per cercare di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti e soprattutto per cercare di capire se la bambina sia davvero caduta dopo il parto, se sia caduta dal letto o se sia stata scaraventata a terra volontariamente.

La trentenne adesso è l’unica indagata per omicidio e al momento si trova all’ospedale Sant’Eugenio di Roma, sotto stretta osservazione degli inquirenti, per ricevere le necessarie cure. La  donna continua ad affermare di non essere mai stata a conoscenza della sua gravidanza e di non essersi resa conto di stare per partorire.

Per adesso non ci sono ulteriori notizie riguardo questa vicenda, ma le indagini sono ancora in corso e nei prossimi giorni ci saranno nuovi aggiornamenti.

Un episodio simile è accaduto lo scorso 18 gennaio a Campobasso, dove una ragazza di 17 anni ha partorito nel bagno della scuola. Nessuno era a conoscenza della sua gravidanza, ne la sua famiglia, ne il suo ragazzo. Il piccolo è nato a 6 mesi di gestazione ed è stato ricoverato immediatamente nel reparto di terapia intensiva. Potete leggere l’intera notizia QUI.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI