Addio a Jacopo Varriale

Lo straziante e doloroso addio a Jacopo Varriale, il giovane papà morto sulla superstrada

Dolore e incredulità per la morte del giovane papà che ha guidato sulla superstrada contromano: il funerale di Jacopo Varriale

È stato celebrato l’ultimo saluto a Jacopo Varriale, il giovane papà di 35 anni morto sulla Firenze-Pisa-Livorno. Tantissime le persone che si sono riunite per dirgli addio, avvolte nel dolore e nell’incredulità dopo quanto accaduto.

Morto a 36 anni Jacopo Varriale

Il giovane stava tornando a casa, ma è rimasto coinvolto in un drammatico incidente contro un’altra vettura con a bordo quattro ragazzi. Il papà ha preso la superstrada contromano ed ha percorso 27 chilometri prima di trovare la morte.

Nessuno riesce a spiegarsi perché abbia percorso quella strada in senso contrario. Le forze dell’ordine stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica della tragedia.

Secondo quanto è emerso finora, sembrerebbe che Jacopo Varriale fosse stato a cena con i suoi amici di nuoto e al termine della riunione, si sia rimesso al volante per tornare a casa, dove ad attenderlo c’erano sua moglie e il suo bambino di un anno.

Ha preso la superstrada contromano e dopo aver guidato per un po’, si è scontrato contro la vettura guidata da quattro giovani, che stavano facendo ritorno dalla discoteca. Quest’ultimi risultano attualmente ricoverati negli ospedali di Livorno e di Cisanello.

Sembrerebbe che diverse vetture, che l’uomo avrebbe incrociato prima del drammatico impatto, abbiano provato ad avvisarlo e abbiano anche lanciato l’allarme alle autorità.

Morto a 36 anni Jacopo Varriale

Gli interrogativi sulla morte di Jacopo Varriale

Tutti ora si domandano perché il 35enne abbia imboccato la superstrada nel senso opposto. Si cerca la risposta ad una tragedia immensa che ha gettato nel dolore e nello sconforto un’intera comunità.

Addio a Jacopo Varriale

I parenti, gli amici e tutti coloro che lo conoscevano lo hanno salutato per l’ultima volta nella chiesa del comune Santa Maria a Monte.

Gli inquirenti vogliono capire anche da quale punto esatto l’uomo sia entrato contromano sulla superstrada e perché abbia preso proprio quella strada, quando avrebbe dovuto percorrere un altro tragitto che dal locale lo avrebbe riportato alla sua abitazione.