Mamma Testimone di Geova accetta una trasfusione di sangue per salvarsi: le figlie la ripudiano

In quel momento, Grazia ha messo avanti la sua vita

Home > Attualità > Mamma Testimone di Geova accetta una trasfusione di sangue per salvarsi: le figlie la ripudiano

L’episodio è avvenuto a Colliano, in provincia di Salerno, dove una madre, Testimone di Geova, è stata “ripudiata” dalle sue figlie e dal suo movimento religioso, perché ha accettato una trasfusione di sangue, che le ha salvato la vita. Il suo nome è Grazia Di Nicola ed ha quarantotto anni. La donna ha deciso di raccontare la sua storia, con l’intento di lanciare un appello rivolto alle sue figlie.

Grazia tre anni fa, ha dovuto sottoporsi ad un intervento chirurgico, durante il quale, per salvare la propria vita, i medici l’hanno informata che aveva bisogno di una trasfusione di sangue. Dopo una lunga riflessione, consapevole che la sua religione non accettava quel trattamento, la donna e madre, ha accettato, mettendo davanti a tutto la sua stessa vita. La sua decisione, per il suo movimento religioso e per le sue figlie, è stata inaccettabile! E’ stata ripudiata dai testimoni di Geova e le sue figlie, 21, 25 e 30 anni, hanno deciso di andare via di casa. Finché sono rimaste nello stesso paesino, Grazia ha tentato di farsi perdonare, rispettando il loro credo, ma adesso, quest’anno, hanno addirittura lasciato Colliano e lei ne ha completamente perso le tracce. Grazia vive con suo marito e un altro bambino più piccolo e non riesce a rassegnarsi al fatto di non sapere dove siano le sue figlie e se stiano bene. Ha raccontato di aver vissuto in prima persona la tragedia del terremoto dell’80 e al solo pensiero, di non sapere dove siano le loro figlie in una tragedia del genere, le spezza il cuore: “Papà, il vostro fratellino e io vogliamo solo essere sicuri che stiate bene.

Rispettiamo le vostre decisioni in campo religioso, questo è fuori discussione. Ma rendetevi conto del nostro dolore, sapete il bene che vi vogliamo. Chiamateci”.

“Non è normale per un genitore che ha cresciuto con sacrifici i propri figli non sapere dove si trovino”.

“Non so più cosa fare, spero riescano a comprendere il mio dolore e decidano di farsi vive”, ha concluso Grazia.

Fonte: ilmessaggero.it 

Leggete anche: “Piangi troppo”, botte e morsi, bambina di due anni in fin di vita