Mamma trova i suoi gemellini legati, nel reparto di pediatria

Anan è andata in ospedale dai suoi bambini, ricoverati per un'infezione, ma li ha trovati legati, mentre l'infermiera prendeva un caffè

Home > Attualità > Mamma trova i suoi gemellini legati, nel reparto di pediatria

Ana Trescec è una madre di trentanove anni, nata a Zagabria, in Croazia. La sua prima figlia, la maggiore, soffre di gravi problemi di epilessia e non ha una vita facile e da cinque mesi, Ana è diventata anche madre di due gemellini, Fran e Flip. Quest’ultimi, recentemente, sono stati ricoverati in ospedale, per via di una brutta infezione (rotavirus) che causa diarrea e che, se non curata, potrebbe trasformarsi in gastroenterite.

La cosa, però, più sconvolgente di tutta questa storia, è stata la scena che Ana, si è trovata costretta a guardare. Come ogni giorno, si è recata in ospedale dai suoi bambini, ma li ha trovati legati con delle strisce di stoffa e con il pannolino completamente sporco. Per quale motivo? L’infermiera si era allontanata per andare a prendere un caffè ed ha ben pensato. che i bambini così non si sarebbero agitati. Ana è rimasta ad attendere il suo ritorno e, infuriata, l’ha affrontata, ma la risposta dell’infermiera, è stata: “non posso rimanere seduta qui e cambiarli ogni cinque minuti”. La mamma, davanti ad una risposta così, ha deciso di scattare delle foto della scena che aveva davanti agli occhi e di diffondere sui social. Poi ha deciso di denunciare l’accaduto. Una volta che la situazione è passata anche nelle mani dei media, il Ministero della Salute della Croazia ha deciso di intervenire ed ha avviato delle ispezioni all’interno dell’ospedale. Anche la responsabile dell’istituto sanitario, è intervenuta. Alemka Markotic ha chiesto scusa ad Ana per come l’infermiera si è rivolta a lei, ma le ha assicurato che i suoi bambini hanno ricevuto tutte le cure di cui avevano bisogno.

“Ero scioccata e inorridita. La zona intima di Fran era di un rosso acceso”. 

“Anche Flip era completamente sporco e irritato”, 

“Ripenso ogni giorno a quella scena”, ha raccontato Ana.

Fonte: www.ilmessaggero.it, TheSun

Leggete anche: Neonato legato e costretto a tenere un ciuccio fissato con lo scotch