Bara bianca di un minore

Mario Domenico morto a 20 mesi: ai funerali i genitori non ci sono

Nessuno ha detto loro che il bimbo era morto

Al funerale di Mario Domenico, morto a soli 20 mesi, non c’erano i suoi genitori. La mamma e il papà sono stati ritenuti inadatti a prendersi cura del piccolo, gravemente malato. E quando il suo cuore ha smesso di battere nessuno ha avvisato la coppia che Mario Domenico era diventato un bellissimo angelo, volato in paradiso troppo presto.

Lutto
Fonte foto da Pixabay

Il bambino di Asti è nato con una grave malattia. Purtroppo Mario Domenico, un paio di settimane fa, a soli 20 mesi di vita, è morto. I Servizi sociali del Comune di Asti, nel frattempo, avevano stabilito che i genitori biologici erano inadatti a prendersi cura di lui, avviando le pratiche per l’adozione.

Mario Domenico aveva vissuto per qualche tempo con una famiglia affidataria. Poi il trasferimento in una struttura specializzata, dove i medici hanno tentato di salvargli la vita. Fino a poco tempo fa i genitori naturali potevano vederlo ogni 15 giorni, ma poi gli assistenti sociali hanno disposto la revoca delle visite.

Alla sua morte, i Servizi sociali gli hanno organizzato il funerale, disponendo la sepoltura dentro un loculo nel cimitero di Asti. Ma nel frattempo nessuno ha pensato di avvisare i genitori naturali, che non sapevano che il loro bambino non era più qui.

Avevano perso l’affidamento del bambino di 20 mesi, ma il papà e la mamma di Mario Domenico forse avrebbero dovuto ricevere notizia della morte del figlio. Lo hanno saputo una settimana dopo il funerale. E in modo assolutamente non ufficiale.

Cimitero per animali domestici
Fonte foto da Pixabay

Mario Domenico morto a 20 mesi, le parole dell’avvocato che assiste il papà

Claudia Malabaila, avvocato che assiste il papà del bambino di 20 mesi morto ad Asti, spiega:

Funerali con rito religioso
Fonte foto da Pixabay

È una storia nata male e finita male. Non ci sono state violazioni giuridiche da parte del Comune di Asti e del tribunale per i minorenni di Torino ma sul lato umano si poteva fare diversamente.