Pena esemplare per Alessia Pifferi

“Mi ha detto in lacrime che non ci aveva pensato”, il legale di Alessia Pifferi a Mattino 5

Secondo il legale di Alessia Pifferi, la sua assistita ancora non riesce a realizzare cosa è davvero accaduto: "Si è messa a pinagere e.."

L’avvocato di Alessia Pifferi, ospite a Mattino 5, ha rivelato dettagli di una conversazione con la sua assistita. La madre della piccola Diana Pifferi, ancora oggi, non si renderebbe conto di ciò che è accaduto e di quanto dovrà rispondere per il suo gesto.

Pena esemplare per Alessia Pifferi

Lei mi racconta che per la bambina ha sempre nutrito forte amore. Le ho chiesto personalmente, perché è un mio pensiero costante, come ha potuto credere che la sua assenza da casa non avrebbe potuto comportare la morte della bambina. Lei si è messa a piangere e mi ha risposto no, che non ci aveva pensato.

Il legale ha poi raccontato che quando, per la prima volta, ha incontrato Alessia Pifferi, si è resa conto che era come confusa, come se vivesse un’altra realtà. Non parlava e in seguito, raccontava di quella bambina morta di stenti, come se la vicenda non la riguardasse, come se fosse accaduto ad un’altra persona:

Alessia Pifferi era come se fosse sulla luna, non si parlava di niente, era completamente muta. Per questo ho deciso di portarla in udienza e di farle leggere i giornali per farle capire di cosa stiamo parando e di cosa è successo.

Sara Ben Salha sulla madre della piccola Diana

La lettera di Alessia Pifferi

La madre della piccola Diana, ha inviato una lettera alla conduttrice Federica Panicucci, mostrata in diretta tv durante la puntata di Mattino 5:

Cara Federica, seguo molto speso la tua trasmissione perché la mattina riesco a guardare la tv. Ormai so di essere ripresa da molti giornalisti. Anche se questo un po’ mi fa agitare, mi serve anche per ripensare a questa terribile storia e capire che nella vita succedono delle cose che non puoi neanche immaginare.

Pifferi Alessia

Ha lasciato la figlia Diana Pifferi a casa da sola per 6 giorni, senza cibo e senza acqua. Si è recata a Leffe dal suo compagno, mentendo a lui e al resto della famiglia su dove si trovasse la bambina. Al suo rientro a casa, era troppo tardi.

Alessia Pifferi dovrà ora rispondere delle sua azioni e gli inquirenti sono in attesa dei risultati degli esami sulle tracce di latte, perché se dovesse risultare che la donna ha sedato Diana, per farla stare calma fino al suo rientro e per non far sentire il suo pianto, verrà accusata anche di premeditazione.