Minaccia di gettarsi da un ponte. Gli automobilisti, impazienti, lo istigano a farlo

"Buttati pagliaccio", "buttati così torniamo a casa", "hai rotto, buttati"

Home > Attualità > Minaccia di gettarsi da un ponte. Gli automobilisti, impazienti, lo istigano a farlo

La domanda sono: dove andremo a finire? Davvero siamo così egoisti? Impazienti? Davvero non conta nulla quello che il prossimo prova? Questo episodio si è verificato circa tre giorni fa, a Rovigo, nel Veneto. Un uomo di trentotto anni, nato in Albania, ha minacciato di gettarsi da un ponte, situato sull’Adige sulla Statale 16, tra Boara Polesine e Boara Pisani.

Il fatto che non vedeva più i suoi figli, era per lui un dolore insopportabile, che lo aveva portato a compiere un tale gesto. Immaginate cosa è successo intorno a lui. Il traffico si è fermato e gli automobilisti si sono trovati bloccati per due intere ore. In loro, alla vista di quell’uomo che minacciava di suicidarsi, si è innescata una sensazione di rabbia, portandoli a delle reazioni un po’ troppo esagerate. Esatto, non pena, ma rabbia. Diversi automobilisti, hanno iniziato ad insultare l’uomo, dandogli del pagliaccio: “buttati così la finisci”, “buttati pagliaccio”, “buttati così possiamo passare”, “buttati così possiamo tornare a casa”, “hai rotto”. In un momento del genere, il trentottenne, invece di avere sostegno e ascoltare parole delicate, si è ritrovato persone che lo istigavano al suicidio. Molte di quest’ultime, lo hanno fatto anche attraverso i social network, riprendendo e criticando un momento del genere, con pubblicazioni live. Gli agenti delle forze dell’ordine e una psicologa, cercavano di far ragionare l’uomo, ma quelle urla “agghiaccianti”, così sono state definite, non hanno reso il compito facile.

Adesso le indagini sono state avviate e le autorità stanno cercando di rintracciare tutti coloro che hanno contribuito a questa istigazione.

Un’azione che sarà. sicuramente, o almeno è ciò che tutti sperano, punita con la legge!

Fonte: ilmessaggero.it

Leggete anche: “Piangi troppo”, botte e morsi, bambina di due anni in fin di vita