ministero della salute richiamo salame

Ministero della Salute richiama salame: rischio salmonella

Ministero della Salute richiama salame dolce e salame con aglio, poiché risultato positivo proprio alla Salmonella: richiesto a tutti di riportarlo al negozio

È stato diffuso proprio sul sito del Ministero della Salute, il richiamo per un salame, per rischio Salmonella. L’annuncio è stato pubblicato nella sezione apposita, nella giornata di ieri, giovedì 25 giugno. È stato richiesto a chiunque l’avesse acquistato, di riportare al negozio il prodotto, per un cambio o per il rimborso.

ministero della salute richiamo salame

L’avviso di richiamo riguarda un Salame dolce e Salame con Aglio, che è venduto in confezioni da 700 grammi.

Il marchio è Mariga Giuseppe & C. Sas. Come si legge nel sito, il motivo del ritiro è per “rischio microbiologico”. È risultato positivo proprio alla Salmonella.

ministero della salute richiamo salame

Il lotto di produzione del salame è il 170/2020. Marchio identificativo del produttore è IT 805L CE. Lo stabilimento che lo produce è in via dell’industria, 14E a Monticello Conte Otto, in provincia di Vicenza.

La data di produzione, riportata anche nella confezione, è del 21 aprile 2020. Il Ministero della Salute ha pubblicato sul sito proprio la scheda del richiamo, in cui ha mostrato la positività del salame alla Salmonella.

Per questo hanno chiesto a tutte le persone che lo hanno acquistato negli ultimi giorni, di riportarlo al negozio, per un cambio o un rimborso. Chiedono di evitare il consumo del prodotto, per non contrarre infezioni.

ministero della salute richiamo salame

Che cos’è la salmonella?

La salmonella è un genere di batteri responsabili di una delle infezioni gastrointestinali. Il rischio di contrarre questa infezione, è associato soprattutto all’ingestione di cibi contaminati. Gli alimenti che sono la frequente causa di questa condizione sono: carne di maiale, uova e derivati.

La gravità dei sintomi può variare. Nei casi meno pericolosi, può provocare febbre, dolori addominali, vomito e diarrea. Mentre le forme più gravi, solitamente si presentano nelle persone che soffrono già di altre patologie.

ministero della salute richiamo salame

I sintomi possono comparire tra le 6 o le 72 ore, dall’indigestione del cibo contaminato. Nei casi più lievi l’infezione passa nel giro di pochi giorni, senza il bisogno di andare in ospedale, ma ci sono situazioni in cui la malattia può portare ad altre conseguenze.