Senegal: morto a 42 anni Papa Bouba Diop

Morto a 42 anni il noto calciatore senegalese Papa Bouba Diop

Famoso per aver trascinato il Senegal nel mondiale del 2002, Bouba Diop si è spento a 42 anni

Si è spento all’età di 42 anni, l’ex calciatore originario del Senegal, Papa Bouba Diop. Stava lottando da molto tempo contro un brutto male che, ala fine, non gli ha lasciato scampo. Nel suo paese, il Senegal appunto, era diventato un idolo in seguito alle sue grandi prestazioni e ai gol fatti nel mondiale di Corea e Giappone del 2002.

Credit post: FIFA world cup – Twitter

Un altro importante lutto nel mondo calcistico. Soltanto qualche giorno fa era arrivata la notizia della dipartita di Diego Armando Maradona. Pur non essendo stato una leggenda del calcio mondiale come Diego, Anche Diop lascia un importante vuoto nel cuore dei suoi tifosi senegalesi.

Senegal: morto a 42 anni Papa Bouba Diop
Credit: FIFA World Cup

L’anno in cui è diventato un idolo per i suoi connazionali, è stato il 2002. Dopo un girone di qualificazioni splendido, la squadra africana riuscì miracolosamente a qualificarsi alle fase finali del mondiale in Corea e Giappone. Considerando che non era mai successo prima, per il popolo quello era già un enorme successo. Ma in realtà, la favola era appena iniziata…

Senegal: morto a 42 anni Papa Bouba Diop
Credit: FIFA World Cup

Al Senegal infatti spettò l’incontro inaugurale della competizione e di fronte loro c’erano i campioni del mondo e d’Europa in carica, la Francia. Inutile dire che tutti gli occhi erano puntati su quella partita e che, a dirla tutta, il risultato sembrava già scritto. Al 30esimo minuto del primo tempo, però, è accaduto l’impensabile.

Col punteggio fisso sullo 0 a 0, è capitata una grande occasione da gol proprio sui piedi di Bouba, che non ha esitato a gonfiare la rete. Quello che era solo un sogno per milioni di africani, stava per diventare realtà. Il gol risultò decisivo e il Senegal riuscì a battere clamorosamente i giocatori più forti del mondo.

Bouba Diop trascina i suoi fino ai quarti di finale

Credit video: Afrique Sports – Youtube

Dopo quella assurda partita, il Senegal aveva ricevuto da quel mondiale già molto più di quanto potesse sognare, ma la favola ancora non era finita. Nella terza partita del girone, contro i sud americani dell’Uruguay, Bouba Diop segnò altri due gol e portò i suoi agli ottavi di finale. Erano ufficialmente diventati la squadra rivelazione del torneo e, ormai, spaventavano tutti.

Senegal: morto a 42 anni Papa Bouba Diop
Credit: FIFA World Cup

Negli ottavi di finale, il Senegal si è trovato davanti alla Svezia. Anche la squadra scandinava aveva stupito tutti nella fase a gironi e si prospettava una bella partita. Grazie a una doppietta di Henri Camara, il Senegal riuscì a battere anche gli svedesi e approdò ai quarti di finale. Purtroppo la Turchia riuscì a fermare il Senegal e a proseguire il suo percorso alle semifinali, ma la leggenda di quei ragazzi africani, partiti senza alcuna pretesa ma in grado di stupire il mondo, non morirà mai.

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"