Noemi si è svegliata e ha parlato: le sue prime parole

Noemi si è svegliata e ha parlato: le sue prime parole dopo aver aperto gli occhi hanno fatto commuovere tutti i presenti; ecco quali sono le sue condizioni.

Home > Attualità > Noemi si è svegliata e ha parlato: le sue prime parole

Noemi si è svegliata e ha parlato: le sue prime parole hanno commosso medici e familiari anche se la prognosi resta riservata. Da giorni la città di Napoli si è stretta intorno alla piccola ferita gravemente durante un agguato. Ecco come sta Noemi adesso.

Noemi è la bimba di 4 anni che era rimasta ferita durante gli spari in Piazza Nazionale, a Napoli. La piccola era in coma farmacologico dopo il delicato intervento di rimozione del proiettile dai polmoni. La ferita era stata considerata molto grave dai medici che l’hanno paragonata a una ferita da guerra. Ma Noemi ha lottato come una leonessa per la sua vita e oggi, dall’ospedale Santobono di Napoli dove si trova ricoverata la bimba arrivano le prime notizia che ci fanno ben sperare.

noemi-sparatoria-napoli

Noemi si è svegliata e ha parlato. Le sue prime parole sono state: “datemi le mie bambole!” L’innocenza di una bambina che ha rischiato di morire per colpa di uno sconosciuto che ha sparato all’impazzata in un posto pubblico.

immagini-sparatoria-napoli

Ecco cosa dice, Anna Maria Minicucci, la manger del Santobono di Napoli:

“Il risveglio di Noemi è avvenuto in un momento di commozione per tutto l’ospedale. Aspettavamo questo momento da una settimana”.

noemi

Ecco cosa dice il bollettino medico:

“Da questa mattinata la piccola Noemi è stata portata a uno stato di sedazione non profonda e attualmente evidenzia una valida respirazione spontanea, supportata da ossigeno ad alti flussi, senza necessità di ventilazione meccanica”.

Dal nosocomio fanno sapere che “nella giornata di ieri la bambina è stata sottoposta a broncoscopia, sia a destra che a sinistra, così da permettere di liberare i bronchi da muchi e coaguli. I segni di miglioramento della respirazione sono evidenti, ma è ancora aiutata dai macchinari”

La prognosi, però, resta riservata e la piccola non può interagire con le persone che la circondano, perché si trova in uno stato di sedazione. Il prossimo bollettino medico sarà diramato tra 24 ore.

Nel giorno dell’arresto del presunto responsabile della sparatoria, Armando Del Re, e del fratello Antonio, suo complice, Noemi è tornata tra di noi.

Forza piccola, il paese intero prega per te e per i tuoi genitori.