Rintracciato il marito sella donna incinta trovata senza vita a Cosenza

Donna incinta trovata senza vita. RINTRACCIATO IL MARITO. E' stato lui a chiamare i Carabinieri

Home > Attualità > Rintracciato il marito sella donna incinta trovata senza vita a Cosenza

Cassano allo Ionio: questa notte, come riportato nel precedente articolo, una donna di 44 anni, di nome Romina Iannicelli, è stata trovata senza vita, nel suo appartamento di questo comune, in provincia di Cosenza. Era incinta e secondo i primi rilievi, è morta a causa di un trauma cranico, provocato dal colpo di un’arma “impropria e non convenzionale”.

Le forze dell’ordine si sono subito messe alla ricerca del marito, che è risultato irrintracciabile fin da subito. I sospetti infatti, sono stati quelli di un femminicidio. Romina è stata trovata da alcuni familiari, con cui avrebbe dovuto incontrarsi nell’arco della mattina, per fare delle commissioni. I Carabinieri hanno analizzato i video delle telecamere della zona e sembrerebbe che hanno visto suo marito, Giovanni De Cicco, allontanarsi da casa durante la notte. Poco fa la notizia che l’uomo ha chiamato i Carabinieri e ha detto loro il luogo in cui si trovava, dove è stato raggiunto in seguito. Si sentiva oppresso e ricercato ed ha preferito costituirsi. Secondo la famosa trasmissione tv “Chi l’ha visto”, al momento l’uomo si trova in caserma, ma non si hanno ulteriori informazioni. Il corpo senza vita della donna è stato portato all’obitorio ed è in attesa dell’autopsia, che rivelerà o, meglio, confermerà, la causa della morte. Secondo quanto dichiarato dalle forze dell’ordine, a casa dei due coniugi, c’era molto caos, ma ancora non sono riusciti a capire se fosse già presente prima dell’omicidio o se è stata la conseguenza di una lite violenta.

Come già detto, Romina aveva già avuto a che fare con i Carabinieri, per via di alcuni precedenti per droga.

Era la sorella di Giuseppe Iannicelli, l’uomo ucciso, con colpi di arma da fuoco, nel 2014, con il suo nipotino Cocò e la sua compagna di origine marocchina. I loro corpi furono poi bruciati.

Presto ci saranno ulteriori aggiornamenti sulla confessione dell’uomo.