Rivolta Napoli contro i coprifuoco

Rivolta a Napoli contro il coprifuoco: assalto alle forze dell’ordine

Una vera e propria guerriglia per le strade di Napoli: incendi, petardi e atti vandalici contro la polizia

Notte di follia a Napoli. Una vera e propria protesta per le strade della città contro il coprifuoco. Giornalisti e agenti delle forze dell’ordine sono stati assaliti e picchiati. Centinaia di persone sono scese per strada a protestare, a ribaltare cassonetti, lanciare transenne e petardi e ad incendiare la spazzatura per strada.

Tutto organizzato su WhatsApp durante la giornata. Immagini e video stanno ora impazzando i social network. Foto di atti vandalici, come incendi per le strade e scritte offensive sulle macchine della polizia. Video di agenti e giornalisti picchiati da gruppi di persone. Agenti che lanciano fumogeni e che non possono nulla contro la violenta guerriglia.

Rivolta Napoli contro i coprifuoco
Credit: Facebook

La manifestazione, trasformatasi poi in qualcosa di irreparabile, è iniziata intorno alle 23:00. La maggior parte giovani, si sono incontrati per le strade di Napoli, per battersi contro il coprifuoco. Una manifestazione che però, presso il palazzo Santa Lucia, si è trasformata in una vera e propria rivolta. Il corteo ha attraversato la città urlando contro De Luca.

Credit: Corriere della Sera- YouTube

Uno dei manifestanti è stato ripreso sul tetto di una volante della polizia, mentre un altro video mostra una donna che urla contro gli agenti:

Perché voi non siete con noi? Perché? Ditelo.

Rivolta Napoli: aggredito un giornalista di SkyTg24

Rivolta Napoli contro i coprifuoco
Credit: Facebook

Un giornalista di SkyTg24, Paolo Fratter, stava documentando le proteste in strada, quando si è ritrovato vittima di un’aggressione. Le immagini trasmesse in diretta tv:

Credit: MondoNapoli Channel – YouTube

Vincenzo De Luca ha firmato l’ordinanza per il coprifuoco, per contrastare l’aumento dei contagi. Una decisione che però non è stata accolta con gioia.

Anche i Vigili de Fuoco sono intervenuti per spegnere gli incendi dei cassonetti dell’immondizia, ma i manifestanti hanno impedito loro di agire.

Rivolta Napoli contro i coprifuoco
Credit: Facebook

Qualcuno indossava la mascherina prevista nelle norme anti contagio, ma qualcun altro no e non c’era alcuna possibilità di contrastare gli assembramenti. Per cercare di disperdere la folla, gli agenti delle forze dell’ordine hanno risposto con il lancio di lacrimogeni.

Carlos Bilardo non sa della morte di Diego Armando Maradona

Fiorella Mannoia e la risposta alle critiche sulla morte di Maradona

Elspeth Moore si spegne a 5 anni per una grave appendicite

Diego Maradona, la denuncia dell'ex manager: "Si è lasciato morire. Non voleva più vivere"

Rocio Oliva, ultima moglie di Diego Armando Maradona, viene bloccata alla veglia funebre

Pisa, neonato di 5 mesi trovato senza vita nella culla

Massimo Bossetti: "Non sono io il colpevole. Yara Gambirasio non ha ottenuto giustizia"