Tragedia Morena Guerini

Tragico incidente nella notte: Morena Guerini muore a soli 34 anni

Una comunità sconvolta per l'improvvisa scomparsa della 34enne Morena Guerini: "Oggi perdiamo una grande compagna d'avventura"

Morena Guerini, 34 anni, ha perso la vita in un drammatico sinistro stradale a Torino Concetta, nella notte tra il 6 e il 7 gennaio. La donna si trovava all’interno di una vettura guidata dalla cugina.

Tragedia Morena Guerini

È stata l’unica a perdere la vita. Secondo una prima ricostruzione della dinamica delle forze dell’ordine, Morena Guerini si trovava a bordo di una Ypsilon, che improvvisamente si è scontrata con un Alfa Romeo 147. È stata sbalzata fuori da mezzo e dopo un volo di 20 metri, ha perso la vita sul colpo.

Dopo lo scontro, l’automobile si è ribaltata e ha finito la sua corsa contro un semaforo. La cugina non ha riportato gravi conseguenze, è stata trasportata all’ospedale Cto di Torino, dove i medici le hanno dato una prognosi di 45 giorni.

Tragedia Morena Guerini

I primi a notare l’incidente e ad intervenire sono stati dei carroattrezzisti, che hanno anche cercato di salvare la trentaquattrenne in attesa dell’arrivo dei sanitari. Purtroppo nessuno ha potuto fare nulla per aiutare la povera donna, nemmeno gli operatori sanitari del 118.

Le forze dell’ordine ora sono al lavoro per cercare di ricostruire la dinamica precisa del sinistro stradale. Secondo alcune testimonianze, sembrerebbe che l’Alfa stesse cercando di svoltare.

Morena Guerini era residente nel comune di Collegno e amava il teatro, faceva parte del gruppo I Fantastorie di Almese.

I messaggi di addio per Morena Guerini

Dopo la triste notizia, sul web sono apparsi numerosi messaggi pubblicati da tutti coloro che hanno voluto ricordarla a salutarla per l’ultima volta. Era una donna molto amata e stimata.

Oggi I Fantastorie perdono una grande compagna d’avventura, Morena Guerini. 15 anni insieme. Siamo devastati dal dolore. Con infinito affetto e gratitudine. 🖤

Tragedia Morena Guerini

La prima ad arrivare alle prove, quella che dietro le quinte teneva più posto di una squadra di calcio. Una bambolina che pareva di ceramica e che invece era uno tsunami. Ti vorrò bene per sempre Momo, mi mancherà tutto di te, anche il messaggio alle 3:00 del mattino per dirmi che avevi avuto un’idea su una coreografia.