Chiesta archiviazione caso Viviana Parisi e Gioele Mondello

Viviana Parisi e Gioele Mondello: la Procura chiede l’archiviazione

Dopo quasi un anno dalla tragedia, la Procura ha chiesto l'archiviazione del caso di Viviana Parisi e il piccolo Gioele Mondello

Dopo la deposizione della consulenza sulla morte di Viviana Parisi e il piccolo Gioele Mondello, la Procura ha richiesto l’archiviazione del caso. Secondo i giudici, dopo la perizia dei medici legali, la dj avrebbe ucciso il suo bambino e si sarebbe poi tolta la vita, gettandosi dal traliccio.

Chiesta archiviazione caso Viviana Parisi e Gioele Mondello

Gioele, secondo la ricostruzione dei fatti, potrebbe essere morto per affaticamento o per arresto cardiaco o la madre potrebbe averlo strangolato, per farla poi finita. Nessun duplice omicidio, come sostenuto dalla famiglia e dal marito e padre Daniele Mondello.

Chiesta archiviazione caso Viviana Parisi e Gioele Mondello

A quasi un anno dalla tragedia avvenuta nella campagne di Caronia, la Procura chiede l’archiviazione. In molti avrebbero voluto leggere una notizia diversa e non quella di una madre inseguita dai suoi demoni. Gli inquirenti sostengono che Viviana Parisi non stava bene e che aveva il timore che le venisse portato via il figlio, forse proprio dal marito. Timore che l’avrebbe portata a compiere il disperato gesto.

Viviana Parisi ha ucciso il piccolo Gioele Mondello?

Il criminologo Massimo Picozzi sostiene che la donna soffrisse di una patologia psicotica e di manie di persecuzione da circa due anni. Non si era mai ripresa dal suo stato emotivo e alla fine, quel giorno, è fuggita fino a rimanere coinvolta in un incidente in galleria.

Chiesta archiviazione caso Viviana Parisi e Gioele Mondello

Viviana Parisi è poi scesa dalla vettura, con il figlioletto in braccio e ha iniziato a camminare per le campagne di Caronia. Era il mese di agosto dello scorso anno. Dopo giorni il suo corpo è stato trovato ai piedi di un traliccio, mentre nei successivi giorni sono stati trovati i resti del piccolo Gioele. Sempre secondo la Procura, il bambino sarebbe stato aggredito, in seguito alla sua morte, dagli animali selvatici. Purtroppo i resti non permettono di stabilire la reale causa della sua morte. La convinzione che sia stato strangolato dalla sua mamma, è nata anche a seguito del materiale individuato sotto alle unghie di Viviana:

L’unico materiale rinvenuto sotto le unghie della mani di Viviana è proprio il profilo genetico di Gioele. Questa tesi continua a rimanere quella più probabile e più fondata.