Willy Monteiro famiglia

La famiglia di Willy Monteiro dà una lezione di vita a tutti: “Abbiamo già perdonato gli assassini, non vendetta, ma giustizia”

Willy Monteiro non potrà tornare indietro e la famiglia lo sa bene, ma loro hanno già perdonato gli assassini, cercano giustizia non vendetta

Aveva tanti parenti, il povero Willy Monteiro, massacrato di botte la settimana scorsa. Ieri si è tenuta la cerimonia per dare l’ultimo saluto al ragazzo. Una famiglia numerosa, composta da zii, i cugini, e tutti coloro che gli volevano bene.

E proprio la famiglia, ancora una volta, dà una lezione di vita a chi ha commesso quell’atroce gesto. La violenza non si combatte con la violenza, e lo sanno bene i membri della famiglia Monteiro.

Willy Monteiro famiglia

Il padre, dopo la cerimonia, non riusciva a parlare e ha allontanato i giornalisti chiedendo “scusa”, quel che è riuscito ad esprimere poco più tardi all’ambasciatore di Capo Verde dimostra da chi WIlly Monteiro aveva preso quel suo cuore grande:

Willy Monteiro fascia

“È bello vedere quanta gente voleva bene al nostro Willy. Mi dà conforto sapere che mio figlio non è morto invano, ma nel tentativo di aiutare un amico, di salvare una vita” spiega Armando.

Chi si ferma a parlare con i giornalisti è Maria, una zia di Willy. Che pacatamente e con estrema riservatezza spiega: “Vogliamo solo giustizia non vendetta. I figli degli altri non si toccano, ma noi siamo molto cattolici. Abbiamo già perdonato.”

Foto di Willy

Non è infastidita dai giornalisti, sa che il gesto di Willy non deve essere dimenticato. E li avvicina, dicendogli: “Poi vi porto anche un caffè, vi farei entrare, ma oggi è un giorno particolare“.

Dalla Svizzera, dalla Francia e dal Portogallo si sono riuniti tutti e hanno ricordato gli anni passati insieme a Willy. I cugini, a cui era molto legato, erano tutti presenti. “Da piccoli andavamo in campeggio insieme; poi noi ci siamo trasferiti, ci vedevamo meno, ma gli volevo tanto bene.”

Amici

Il marito di una delle zie di Willy ha poi raccontato cosa vuol dire entrare nella famiglia Monteiro: “Da quando sono entrato in questa famiglia ho imparato cosa vuol dire unità, condivisione, sostegno reciproco. Quando Willy e mia figlia erano piccoli passavamo spesso le estati insieme”.

Restano intanto in carcere i fratelli Bianchi e Mario Pincarelli. Gli assassini, dalla cella, hanno richiesto che venga prolungato l’isolamento perché temono ripercussioni da parte degli altri detenuti.

Alex Zanardi sarà sottoposto ad un altro intervento di ricostruzione cranio-facciale

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Antonio Sartori, nonno di 77 anni, morto dopo 3 giorni di agonia

Classe in quarantena nel milanese per due bambini positivi

Omicidio Willy, arrivati i risultati dell'autopsia: sono shock

Ilenia Matilli: la giovane si sveglia dal coma grazie a Francesco Totti

Padre ha lasciato il figlio di 11 solo in casa, per andare in vacanza