Cos’è il maskne o l’acne da mascherina

Maskne o acne da mascherina, cos'è e come prevenire, secondo gli esperti, questo problema che affligge sempre più persone ultimamente

Home > Bellezza > Cos’è il maskne o l’acne da mascherina

Ultimamente si parla molto di una nuova patologia della pelle, il maskne o l’acne da mascherina. Come avrete già capito si tratta di un problema dermatologico causato dall’utilizzo prolungato dei dispositivi di protezione individuale per il viso. Ma cos’è il maskne e come possiamo prevenire e curare questo fastidioso problema? Scopriamolo insieme.

Per evitare di ammalarsi, molti di noi sono costretti ad indossare le mascherine. Ma l’utilizzo prolungato di mascherine non giova molto alla pelle. Tante persone hanno accusato un fastidio dovuto proprio a questi DPI: la comparsa di brufoli, puntini rossi e bianchi o pelle irritata nelle zone che, di solito, vengono ricoperte dal tessuto della mascherina.

Cos’è

donna allo specchio

Si tratta di acne da mascherina o, com’è stata “ribattezzata” dai dermatologi, il maskne. Una definizione migliore di questa patologia è stata formulata da Nazanin Saedi, direttore del Jefferson Laser Surgery and Cosmetic Dermatology Center, che ha dichiarato che si tratterebbe, in realtà, di acne meccanica:

“Il vero termine è l’acne meccanica. Si sviluppa dove c’è uno sfregamento costante sulla pelle, come nel caso degli atleti che indossano, per esempio, caschi e cuscinetti. Allo stesso modo, le maschere che indossiamo in questo periodo creano un ambiente umido in cui i batteri possono svilupparsi. Normalmente la pelle si arieggia da sola ma i vari batteri si accumula sotto la maschera”.

Come si previene, i consigli degli esperti

donna e mascherina

Carrie Kovarik, professore associato di dermatologia presso l’Ospedale dell’Università della Pennsylvania, ha specificato che il nostro viso non è abituato ad essere coperto e ha elencato alcune buone abitudini che possono prevenire l’insorgenza del maskne.

Avere qualcosa che copre il naso e la bocca per lunghi periodi di tempo è dannoso per la pelle ed è impossibile impedire che le sostanze irritanti si accumulino in quella zona. Possiamo, però, osservare alcune regole e accortezze per impedire che le zone coperte dalla mascherina si irritino.

Una di queste, nel caso delle donne, è il consiglio di non usare il fondotinta e il correttore, specialmente nelle giornate calde, quando si suda facilmente. Questa semplice accortezza può dare un po’ di sollievo alla pelle.

ragazza con acne

Non lavare eccessivamente il viso. Questo consiglio potrebbe sembrare insensato ma non lo è. Nazanin Saedi ha detto che le persone possono effettivamente peggiorare i loro sfoghi lavandosi il viso più spesso.

“Quando ti lavi in maniera eccessiva, stai togliendo oli naturali dalla tua pelle provocando irritazioni”.

Nazanin Saedi ha poi consigliato di evitare scrub e tonici aggressivi, che fanno più male che bene e di usare qualcosa di più delicato. Il tonico o l’acqua termale o acqua micellare e lo scrub  sono prodotti che servono per esfoliare la pelle ma, in questo caso, se sono troppo aggressivi, possono creare un danno alla pelle. Sarebbe indicato, in questo periodo, usare un prodotto detergente con perossido di benzoile, un ingrediente che uccide i batteri sotto la pelle.

ragazza con la mascherina viso

Optare per maschere di stoffa. Sebbene le maschere chirurgiche proteggano meglio le persone dal contagio, non fanno respirare la pelle del viso quanto le maschere di stoffa. Carrie Kovarik ha affermato che le maschere di stoffa sono più utili per le persone che hanno problemi di pelle perché non creano un ambiente umido.

“Le maschere di stoffa fanno respirare meglio la pelle”, ha detto. “Inoltre, non creano la stessa frizione di una maschera chirurgica”.

Carrie Kovarik ha aggiunto che le persone con acne, eczemi o prurito dovrebbero scegliere una maschera realizzata con un tessuto più morbido, come il cotone, che consente una maggiore circolazione dell’aria rispetto al poliestere.

“Se ti trovi in ​​un ambiente sicuro, dovresti prenderti una pausa dalla maschera”, ha detto. “Lascia respirare la tua pelle. Ciò aiuta davvero a prevenire le irritazioni”.

Nazanin Saedi ha affermato che è importante lavare le maschere di tessuto ogni giorno perché all’interno si possono accumulare oli provenienti dalla pelle del viso, trucco e sporcizia.

“Se stai riutilizzando una maschera medica, arieggiala il più a lungo possibile”, ha detto.

Aiutare la pelle del viso con un buon prodotto idratante. Dopo aver lavato il viso, metti una crema idratante ipoallergenica per aumentare la quantità di idratazione della pelle, ha detto Carrie Kovarik. La dottoressa ha raccomandato di scegliere un prodotto con acido ialuronico, che è uno zucchero naturalmente presente nei nostri corpi e che aiuta la pelle a trattenere l’umidità.

Anche l’uso di una crema idratante con ceramidi può aiutare a trattenere l’umidità.

“La crema con ceramidi forma uno strato di protezione tra la pelle e la maschera”, ha detto Carrie Kovarik, “perché le ceramidi sono lipidi che formano la barriera della pelle”.

Carrie Kovarik ha anche suggerito di ridurre l’uso dei prodotti che contengono retinoidi o acidi, poiché la loro azione può essere intensificata sotto la mascherina, causando l’irritazione della pelle.

“Le cose che, in passato, non hanno mai fatto irritare la pelle o ostruito i pori prima potrebbero iniziare a farlo perché adesso indossiamo qualcosa che copre il viso”, ha detto. “Si possono usare detergenti e creme idratanti delicate senza profumi o coloranti”.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI