La dieta per prendersi cura della salute del cuore

Qual è la dieta che possiamo seguire per poterci prendere ogni giorno cura della salute del nostro cuore?

Home > Benessere > La dieta per prendersi cura della salute del cuore

Come prendersi cura della salute del cuore? Ma ovviamente seguendo una dieta che sia sana, equilibrata e adeguata. L’alimentazione è assolutamente fondamentale, anche quando si tratta di prendersi cura di uno dei muscoli più importanti del corpo umano.

infarto

In occasione del congresso Platform of laboratories for advanced in cardiac experience (Place), che si è svolto a Roma e al quale hanno partecipato più di 4mila cardiologi provenienti da ogni angolo del mondo, è stata messa a punto una dieta salva cuore. Cosa prevede? Pasta, peperoncino, cioccolato fondente e caffè. Insomma, le basi della dieta mediterranea.

Cosa mangiare per proteggere il cuore

Gli esperti non hanno dubbi: l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale e non dobbiamo mai dimenticarlo. Leonardo Calò, Direttore Uoc di Cardiologia del Policlinico Casilino e Presidente del Congresso Place, spiega: “Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro, soprattutto per il cuore“.

Ecco allora cosa dovremmo mangiare:

  • Caffè, fino a tre tazzine al giorno
  • Cioccolato fondente, anche 30-40 grammi al giorno se è fondente all’80-85%
  • Pane e pasta, meglio se integrali, di farro e di orzo
  • Spezie e aromi, quali ad esempio l’origano, i capperi, la cipolla rossa, il pepe, lo zenzero, il basilico, il prezzemolo e il curry
  • Vino rosso
  • Frutti rossi-violacei
  • Pomodoro, meglio se cotto

Cosa non mangiare

Gli esperti ci dicono anche cosa sarebbe meglio evitare per proteggere la salute del cuore:

  • proteine animali, al massimo ne possiamo mangiare 0,8 grammi per chilo di peso
  • sale, che andrebbe ridotto e addirittura eliminato
  • sostituti del pane come cracker e grissini, aumentano la fame e causano picchi di insulina
  • zucchero, sia quello che aggiungiamo noi sia quello già presente nei cibi