dove-mangiare-sul-litorale-romano

5 Posti dove mangiare sul litorale romano, vicino alla Capitale

Un'estate al mare: dove mangiare sul litorale romano, i nostri consigli per una cena vicino Roma

Luoghi da sogno, dove il buon cibo incontra il panorama: ecco 5 posti dove mangiare sul litorale romano. Con i piedi che affondano nella sabbia o con lo sguardo perso oltre gli scogli, mangiare al mare è sempre un’esperienza indimenticabile.

Che sia una cena romantica o una serata estiva da passare fuori con amici e parenti, il litorale romano vi offre un’ampia scelta di locali per tutti i gusti, a solo mezz’ora di macchina da Roma

Casa Carmen a Fregene

dove-mangiare-sul-litorale-romano

Questa è una storia che andrebbe raccontata in spagnolo, perchè è un viaggio che inizia in Messico, passa per Formentera e arriva sulla costa di Fregene con tanti sogni nel cassetto, un pizzico di voglia di ripartire verso lidi lontani e tutti i sapori delle isole spagnole.

Il progetto nasce dai sogni e dai viaggi di gioventù di Lorenzo Biancolella, Roberto Tomasini e Annalisa Polo. “Carmen è una signora di Tulum che ha un “hacienda“ dove tutti noi abbiamo dormito e cucinato con lei e la sua famiglia, raccolto le verdure del suo orto. Insomma è il nostro posto del cuore.” 

Casa Carmen offre una classica cucina mediterranea con crudi e battute di gamberi rossi, l’immaginazione spesso prende il sopravvento e guida il menù verso spiagge bianche e onde lontane. Immancabile lo spaghetto con vongole e bottarga, le famose telline di Fregene e la paranza del nostro “mare”. Grande protagonista è la griglia esterna dove il polpo arrostito e il pescato del giorno grigliato la fanno da padroni.

Quindi un altro ristorante di pesce a Fregene? No, Casa Carmen è molto di più. Qui si respira aria di vacanza in un filo conduttore colorato tra Mediterraneo e Tropici. Varcata la soglia ci si lascia alle spalle il grigiore della vita di tutti i giorni per ritrovare un mood di relax e magici sapori. Un dehors fatto di colori, fiori, piante tropicali e legno nudo, luci soffuse e musica che sa di estate. Si passa da ceviche di pesce fresco al “leche di tigre”, dal polpo alla gallega, all’astice alla “Formenterense” senza mai dimenticare della Bella Italia. 

Casa Carmen – Lungomare di Ponente 123 (Fregene, Villaggio dei Pescatori)

Dove mangiare sul litorale romano: Molo 17 a Ostia

Ci sono angoli di paradiso culinario di cui non si parla molto quando si pensa a dove mangiare sul litorale romano. Posticini nascosti, lontani dalla ribalta mediatica che però rivelano grandi sorprese e esperienze di prim’ordine. Si tratta di locali che nascono e investono in loro stessi, nella materia prima, nel personale di sala e in una continua ricerca. Basta poco per stare bene e certe volte si può trovare la cena o il pranzo perfetti anche in posti poco celebrati dalla stampa. È il caso di Molo 17 a Ostia, un ristorantino di pesce quasi nascosto in un vicolo del Lido. 

Orgoglio e gioiellino dello chef Simone Curti e del direttore di sala Fabrizio Moscara, coppia legata non solo dalla grande passione per il loro locale ma anche dall’esperienza di ex pescatori. E questa storia di mare, di barche e di reti torna in modo nuovo, non invadente e sempre raffinata nell’interior design di Molo 17. In cucina sempre il miglior pescato locale, direttamente dalle aste del pesce del litorale, da coniugare in piatti semplici, sinceri, a prezzi onesti senza la pretesa di un’alta cucina che non serve neanche in questo caso. Menù estremamente stagionale, segnaliamo il must di polpo e patate, il delicato maccarello alle erbe con finocchi e arance. Deliziosi tortelli cacio e pepe fatti in casa con burro di Normandia e mandarino. 

Molo 17 – via dei Lucilii, 17 (Ostia)

Zero Miglia a Nettuno

Un locale ampio, luminoso, piacevole. A due passi dal grazioso borgo medievale di Nettuno, Zero Miglia è un tempio nostrano della materia prima di qualità. D’altronde qui il pescato locale è un obbligo doveroso e viene proposto in un menu classico alla carta o in una formula più ampia che si snocciola in due percorsi “zero miglia” da 20 euro con tre assaggi di pesce e un primo a volontà finché non si è sazi, o da 23 euro con la stessa formula del primo ma in più ci sono anche tre assaggi di crudo. 

Una proposta per placare i grandi appetiti e per dare un nuovo apprezzamento al pesce povero, freschissimo e di qualità come le marmore, i fragolini, lo sgombro, il tonno. Ottime le fritture, sfiziose le grigliate miste, lussuriosi gli spaghetti allo scoglio, eccezionali i crudi. La carta dei vini è ricca di vere perle introvabili, i veri intenditori apprezzeranno anche qualche etichetta dalla Champagne e dal mondo del vino naturale.  

Zero Miglia – piazza G. Marconi, 3 (Nettuno)

Dove mangiare sul litorale romano: Il Tino a Fiumicino

dove-mangiare-sul-litorale-romano

Se si parla di locali dove mangiare il pesce sul litorale romano, non possiamo non nominare il ristorante di Lele Usai a Fiumicino. Il Tino è all’interno di un cantiere nautico, qui si vive e si respira il mare più autentico e lo chef è una di quelle personalità della culinaria contemporanea da tenere d’occhio.

Location di rara bellezza dove perdersi in sogni ad occhi aperti tra barche a vela e mare, mare e ancora mare. Daniele Usai qui esprime la sua visione di un mediterraneo vivo, in continua trasformazione ma pur sempre ancorata alla sua tradizione. Il menù è un viaggio tra i sapori “in fondo al mar”. E proprio per questo motivo troviamo tra i suoi must di sempre le alghe del suo “Giardino iodato” e qualità di pesce dal nome non sempre conosciuto ma sempre freschissimi e preparati con creatività e grande tecnica. Gli amanti dei sapori forti troveranno una grande panunta, pane croccante con quinto quarto e crudo di scampi. E non finisce qui, perchè di sotto ci sono spa e bistrot con stessa brigata ma menù a prezzo più contenuto. 

Il Tino – Via Monte Cadria, 127

Ugo al Villaggio (Marine Village) a Ostia

dove-mangiare-sul-litorale-romano

Struttura ampia, accogliente, piacevole. Dopo un imponente restyling globale, Ugo al Villaggio si presenta ai suoi ospiti senza formalità come un locale dove mangiare sul litorale romano, a pranzo dopo un bagno al mare o in una serata tra amici o in famiglia. Un ristorante di mare al 100% con un menù informale, veloce e adatto soprattutto alle esigenze degli ospiti di un ristorante che è anche stabilimento balneare. Interior Design curatissimo con materiali e colori che ricordano il mare e la sabbia, legno nudo e nessun tovagliato per un’atmosfera informale ma allo stesso tempo ricercata che si sviluppa soprattutto nella zona all’esterno per rimuovere i limiti tra tavola e mare.  

Proposta di mare semplice con ottime tartare, primi della tradizione di mare rivisitati e fritture leggere e gustose come l’immancabile paranza. La pasta è tutta fresca, ideale velocizzare i tempi di cottura. Non mancano ricette che esaltano il Mediterraneo come i piatti a base di baccalà, polpo e pesce azzurro. 

Ugo al Villaggio – Via Litoranea (Lido di Ostia)

5 modi per riciclare la zucca di Halloween

Gnocchi fatti in casa alla ricotta e curcuma

La ricetta dei mini burger vegetariani di quinoa

L'acqua si può depurare con la buccia di un'arancia

La ricetta dei peperoni in barattolo con tonno e olive nere

La ricetta dei pomodori freddi ripieni

Le etichette per la cucina da stampare