La pizza crea dipendenza?

Alzi la mano chi non riesce a rinunciare a un pezzo di pizza. Perché è troppo buona o perché crea dipendenza?

Home > Cucina > La pizza crea dipendenza?

La pizza crea dipendenza o è solo troppo buona ed è per questo che la maggior parte delle persone non riesce a smettere di mangiarla e, anzi, la mangerebbe da mattina a sera, di continuo? La risposta non è facile, ma gli esperti sono convinti che forse un po’ di dipendenza questa ricetta Made in Italy che piace in tutto il mondo la può effettivamente creare. Sarebbe tutta “colpa” dei suoi classici ingredienti. Ma forse anche al fatto che mangiare la pizza di solito rappresenta un momento conviviale da vivere in famiglia o con gli amici!

pizza

Un approfondimento apparso sul sito online Cnn Health, infatti, ci svela i risultati di uno studio che ha cercato di comprendere come la pizza possa creare una sorta di dipendenza. In effetti è tra quei cibi ai quali molti di noi non sanno dire di no. Non ne hanno mai abbastanza. Ne vorrebbero sempre di più. Come una droga, insomma.

Perché la pizza crea dipendenza

Gail Vance Civille, fondatrice e presidente di Sensory Spectrum, spiega: “Sono affascinata dal fatto che le persone mangino quasi ogni tipo di pizza, non necessariamente la migliore e parte di ciò è il fatto che è la scelta superba di ingredienti che contengono grassi, zucchero e sale, che soddisfa l’amigdala, un’area cerebrale, e rende il cervello molto felice”.

Herbert Stone, un analista sensoriale da 50 anni, sottolinea che ogni tipo di pizza ci invoglierà a mangiarla. Sia per il buon profumo, che ci farà immediatamente venire fame, sia per il fatto che i suoi ingredienti ci invitano a mangiarla: la combinazione tra l’impasto, la mozzarella, il pomodoro e il resto è fatale per ogni consumatore.

Pizza

La pizza crea dipendenza perché ha tutto, come ricordato da Gail Vance Civille: “Hai la croccantezza della crosta, la masticabilità del formaggio e l’umidità del sugo se fatto bene, nessuno si sovrappone all’altro e arriva insieme in un modo unificato“.

Insomma, una ricetta armoniosa alla quale siamo felici di non riuscire mai a dire di no!