Cosa fare a San Valentino 2018

Cosa fare a San Valentino 2018? Ecco, questa è la domanda che amiamo meno sentirci dire. Se la gioca con i classici “Cosa fai a Capodanno“, “Cosa fai a Pasquetta” e “Dove vai in vacanza quest’estate“. Ma è una domanda ancora più subdola. Se siamo single e qualcuno ci pone il fatidico quesito o non conosce la nostra condizione in solitaria oppure non ci vuole poi molto bene. Se siamo in coppia e adoriamo il 14 febbraio, avremo già organizzato tutto da mesi, mentre per chi odia questa festa è una domanda che fa venire in mente solo una cosa: istinti omicidi verso chi te la pone. Che poi, perché dobbiamo per forza fare qualcosa a San Valentino?

Parliamoci chiaro. San Valentino o lo ami o lo odi. Oppure ti riduci a festeggiarlo perché lo fanno tutti: ecco, in questo caso meglio evitare, perché diventerebbe una giornata insopportabile da vivere e non dovrebbe essere così. Se amate San Valentino, beh, in questo caso sono tante le cose da organizzare.

Potete prenotare un tavolo per due a lume di candela in un ristorante chic, magari quello del vostro primo appuntamento per il massimo del romanticismo. Potete organizzare una vacanza romantica in giro per le capitali dell’amore o in qualche meta esotica: visto che San Valentino cade in inverno, non sarebbe male andare a celebrare il nostro amore al calduccio.

Oppure potete stare a casa, cucinare insieme o anche ordinare qualcosa da asporto, organizzare una seratina romantica guardando qualche bel film e passando ore a coccolarvi sul divano. Scelta consigliata se siete sempre di coppia. Oppure potete anche decidere di non organizzare nulla. Non solo se siete single (in questo caso circondatevi degli amici più cari e non uscite di casa: l’alto tasso di zucchero potrebbe farvi andare di traverso ogni cocktail), ma anche se siete in coppia.

Ebbene sì, basta dover festeggiare per forza San Valentino: se la ricorrenza non vi piace, perché voi siete spontanei e non avete bisogno di una data specifica per celebrare l’amore, perché per quello ci sono tutti gli altri 364 giorni dell’anno, semplicemente non fate nulla.

Lasciate che il 14 febbraio trascorra come un normalissimo giorno, senza organizzare chissà che cosa. La spontaneità in coppia funziona sempre. Le forzature un po’ meno. A patto che anche il partner non ami San Valentino, perché se appartiene al partito opposto, beh, in quel caso dovrete trovare un buon compromesso!

di Patrizia