Assegno di maternità 2020

Assegno di maternità 2020, a chi spetta

Tutto quello che dovete sapere dell'assegno di maternità 2020

A chi spetta l’assegno di maternità 2020? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere per questo incentivo economico destinato alle famiglie italiane. In particolare, come funziona, chi può richiederlo e a quanto ammonta l’assegno destinato a ogni nucleo famigliare.

Mamma in dolce attesa

L’assegno di maternità 2020 non è l’assegno di maternità erogato dall’INPS, che spetta alle mamme lavoratrici. Questo incentivo economico è destinato, invece, alle donne disoccupate e alle casalinghe. Riconoscendo a chi diventerà mamma quest’anno un piccolo sostegno economico per affrontare i 9 mesi della gravidanza e i primi mesi di nascita del proprio bebè.

Bonus per le future mamme

Assegno di maternità 2020, come funziona

L’assegno di maternità per chi è disoccupata o è casalinga è gestito dall’ente locale di residenza di ogni donna. Ogni comune di residenza lo eroga, secondo determinati criteri. Per poter accedere al bonus le donne devono essere disoccupate o casalinghe. Devono essere donne non lavoratrici. O che non hanno versato 3 mesi di contributi nell’ultimo anno e mezzo. In questo caso potete accedere al bonus dell’INPS.

Donna con neonata in braccio

Il contributo economico è di 348,12 euro per massimo 5 mesi. Chi lo richiede deve presentare il proprio ISEE, per rispettare i requisiti di legge previsti.

  • Essere disoccupate o casalinghe. Fondamentale non avere almeno 3 mesi di contributi negli ultimi 18 mesi.
  • Aver partorito, adottato o ricevuto in affidamento preadottivo un bambino.
  • Essere residenti nel comune. Bonus valido per cittadine italiane, comunitarie o extracomunitarie con carta di soggiorno.
  • Avere un ISEE non superiore a 17.41,66 euro. E non avere altro aiuto previdenziale o assegno maternità INPS.
Assegno di maternità 2020

Come richiederlo

Per poterlo richiedere, ovviamente, bisognerà avere tutti i requisiti necessari. La domanda va presentata previa compilazione del modulo che andrà consegnato al comune di residenza entro i 6 mesi dalla nascita del bambino. O dall’ingresso del minore in famiglia nel caso in cui si tratti di adozione o affidamento. Sarà il comune a verificare se si hanno i requisiti in regola.

Stavano per far nascere il suo bambino con il cesareo ma alla fine hanno dovuto ricucirla

Lascia suo figlio, appena nato, chiuso in macchina, con un biglietto

Una terribile scoperta

Una bambina di 4 anni lo chiama “vecchio”, la sua risposta commuove tutti

Deve andare in bagno prima dell'ecografia ma i medici non glielo consentono

Un'inaspettata e meravigliosa sorpresa

Era incinta di due gemelli, ma dopo la visita, guarda il monitor e si ritrova davanti la verità