Assegno di maternità 2020

Assegno di maternità 2020, a chi spetta

Tutto quello che dovete sapere dell'assegno di maternità 2020

A chi spetta l’assegno di maternità 2020? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere per questo incentivo economico destinato alle famiglie italiane. In particolare, come funziona, chi può richiederlo e a quanto ammonta l’assegno destinato a ogni nucleo famigliare.

Mamma in dolce attesa

L’assegno di maternità 2020 non è l’assegno di maternità erogato dall’INPS, che spetta alle mamme lavoratrici. Questo incentivo economico è destinato, invece, alle donne disoccupate e alle casalinghe. Riconoscendo a chi diventerà mamma quest’anno un piccolo sostegno economico per affrontare i 9 mesi della gravidanza e i primi mesi di nascita del proprio bebè.

Bonus per le future mamme

Assegno di maternità 2020, come funziona

L’assegno di maternità per chi è disoccupata o è casalinga è gestito dall’ente locale di residenza di ogni donna. Ogni comune di residenza lo eroga, secondo determinati criteri. Per poter accedere al bonus le donne devono essere disoccupate o casalinghe. Devono essere donne non lavoratrici. O che non hanno versato 3 mesi di contributi nell’ultimo anno e mezzo. In questo caso potete accedere al bonus dell’INPS.

Donna con neonata in braccio

Il contributo economico è di 348,12 euro per massimo 5 mesi. Chi lo richiede deve presentare il proprio ISEE, per rispettare i requisiti di legge previsti.

  • Essere disoccupate o casalinghe. Fondamentale non avere almeno 3 mesi di contributi negli ultimi 18 mesi.
  • Aver partorito, adottato o ricevuto in affidamento preadottivo un bambino.
  • Essere residenti nel comune. Bonus valido per cittadine italiane, comunitarie o extracomunitarie con carta di soggiorno.
  • Avere un ISEE non superiore a 17.41,66 euro. E non avere altro aiuto previdenziale o assegno maternità INPS.
Assegno di maternità 2020

Come richiederlo

Per poterlo richiedere, ovviamente, bisognerà avere tutti i requisiti necessari. La domanda va presentata previa compilazione del modulo che andrà consegnato al comune di residenza entro i 6 mesi dalla nascita del bambino. O dall’ingresso del minore in famiglia nel caso in cui si tratti di adozione o affidamento. Sarà il comune a verificare se si hanno i requisiti in regola.

Come eliminare tosse e catarro in una sola notte

Come eliminare tosse e catarro in una sola notte

Come liberarti dalla tosse in una sola notte con 4 semplici ingredienti che hai già in casa

Come liberarti dalla tosse in una sola notte con 4 semplici ingredienti che hai già in casa

Pubblica la foto della moglie in costume e l'accompagna con una frase meravigliosa

Pubblica la foto della moglie in costume e l'accompagna con una frase meravigliosa

Fa un'ecografia a 13 settimane ma sul monitor appare una strana immagine

Fa un'ecografia a 13 settimane ma sul monitor appare una strana immagine

Qual è la differenza, nella vecchiaia, tra l'avere una figlia femmina o un figlio maschio?

Qual è la differenza, nella vecchiaia, tra l'avere una figlia femmina o un figlio maschio?

Brutta disavventura per una donna e il suo cane guida

Brutta disavventura per una donna e il suo cane guida

I medici iniziano a ridere in sala parto, la madre non capisce perché

I medici iniziano a ridere in sala parto, la madre non capisce perché