Ramazzotti Aurora

Aurora Ramazzotti ha un improvviso malore in un bar: ecco cosa è successo

Aurora Ramazzotti vittima di un malore improvviso in un locale sui navigli, ecco le sue condizioni di salute

Senza alcuna ombra di dubbio, Aurora Ramazzotti è una delle influencer più amate stimate all’interno del mondo del web. Di recente, la figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker è stata vittima di un malore all’interno di un bar mentre era in compagnia di Sara Daniele. Scopriamo insieme cosa è successo nel dettaglio.

Di recente Aurora Ramazzotti è finita al centro della cronaca rosa. Questa volta a rendere la celebre influencer protagonista di un gossip sono state alcune immagini pubbicate sui social che la ritraggono stesa a terra mentre accusa un improvviso malore.

La figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker era uscita insieme alla sua amica per recarsi in un locale sui Navigli e fare aperitivo. Peccato però che, nel corso dell’appuntamento, qualcosa non è andato per il verso giusto. A causa di un calo di pressione dovuto alla temperatura troppo alta, l’influencer si è sentita male.

A dichiarlo è stata lei stessa attraverso una serie di Stories pubblicate sul profilo Instagram:

40 gradi con scirocco africano. Ho avuto per la prima volta un calo di pressione e sono quasi svenuta. Ringrazio molto i ragazzi del Mag per avermi aiutata. Gambe su, acqua, zucchero e mi sono ripresa.

In un secondo momento, la 25enne ha mostrato lo scatto in cui è apparsa la figlia di Pino Daniele con un bicchiere di vino in mano:

In tutto ciò Sara Daniele ha pensato bene di farsi un selfie con me… non in condizioni stupende. Tutto bene, sono viva.

Infine, l’influencer ha colto l’occasione per dare alcuni consigli a tutti i suoi fan. Queste sono state le sue parole:

Insomma ho capito che è importante avere qualcuno che gestisca la situazione senza entrare nel panico, sdraiarsi così è un’ottima idea; i panni freschi in testa sono il paradiso; un ragazzo al bar mi ha detto che sono bella anche da svenuta grazie tato e grazie ancora a tutti.