leotta diletta

Diletta Leotta, donne “lampadario” al suo compleanno: è polemica

Donne trasformate in lampadario al compleanno di Diletta Leotta: sui social scoppia la bufera

Diletta Leotta nella bufera. La presenza alla festa per il suo 30esimo compleanno di donne trasformate in lampadario ha creato una serie di polemiche. Le ragazze in questione, infatti, hanno indossato un paralume sulla testa trasformandosi in lampadari. Al popolo del web quest’idea non sembra essere per niente piaciuta.

leotta diletta

Festa in grande per Diletta Leotta che ha da poco compiuto 30 anni. Per tale occasione, la giornalista sportiva di DAZN ha organizzato una festa di compleanno alla quale hanno partecipato amici e parenti. La festa si è tenuta in Sicilia e le foto del party hanno fatto il giro del web.

Gli scatti, però, non sembrano essere per niente piaciuti al popolo del web che hanno scatenato una vera e propria bufera social. In particolar modo, le polemiche su Diletta Leotta sono esplose per la presenza al suo party di alcune ragazze trasformate in lampadario. Le donne si trovavano a bordo piscina con un paralume in testa.

giornalista sportiva

A riguardo sui social si è scatenata una vera e propria bufera. Molti, infatti, sono stati coloro che hanno definito questa scena come sessista e degradante. Tra le tante parole rivolte alla regina di DAZN possiamo leggere:

Le ragazze usate in stile soprammobile sono un qualcosa di riprovevole.

30esimo compleanno

Oppure:

Per il suo compleanno, colei che ribadisce che la bellezza “capita”, ingaggia delle donne per vestirsi da lampadario.

E ancora:

Magari non è una sua scelta, forse è l’agenzia che si occupa di questi eventi a partorire boiate del genere. In ogni caso, se sei un personaggio pubblico, non puoi accettare che vengano usate “donne-lampadario” alla tua festa.

diletta party in sicilia

Nonostante le numerosi critiche ricevute, la diretta interessata non ha ancora risposto ai commenti negativi che le sono stati rivolti sui social. Dunque la giornalista sportiva ha preferito, almeno per il momento, rimanere in silenzio e non rilasciare alcuna dichiarazione a riguardo.