GF Vip: Alessandro Basciano faccia a faccia con Alex. Ecco perché non è stato squalificato

GF Vip: Alessandro Basciano faccia a faccia con Alex Belli. Ecco perché non è stato squalificato

Alex Belli e Alessandro Basciano in uno scontro ravvicinato. Ecco perché, il gieffino, non è stato squalificato

Nel puntata andata in ona ieri sera del GF Vip, in diretta, è avvenuto uno scontro dai toni un po’ troppo ravvicinato tra Alex Belli e Alessandro Basciano. Volano parole grosse e il confronto si infiamma. L’ex gieffino fa il suo ingresso in passerella già carico e ad aspettarlo c’è un Alessandro che non fa un passo in dietro. Ma andiamo per ordine e cerchiamo di capire cosa è successo.

GF Vip: Alessandro Basciano faccia a faccia con Alex. Ecco perché non è stato squalificato
Fonte studio GF Vip

Belli ha chiesto al gieffino di non parlare più di sua moglie Delia. Secondo Alex, l’ex corteggiatore di UeD vuole imitarlo, portando così in scena solo una sua brutta copia. Ma Basciano risponde con aggressività a tali accuse e si avvicina fino ad arrivare quasi alle mani con l’attore.

Così facendo, pare abbia infranto tutte le normative obbligatorie della distanza di sicurezza. Si scatena il pubblico social. I due sono quasi faccia a faccia. Alfonso Signorini interviene più volte, intimando a entrambi di rispettare le regole del distanziamento sociale imposto da questo momento storico. Ora sorge una domanda lecita, perché Basciano non è stato squalificato? Presto detto.

Perché, in verità, va detto che in primis Alex Belli si è sottoposto al tampone, e poi perché le distanze anche se ravvicinate, per norma sono state rispettate. Di fatto i due non si sono toccati. Diverso era stato tra Belli e la moglie Delia, i quali nel corso del loro incontro avevano avuto un contatto.

Il confronto tra Alex e Alessandro si è concluso con una domanda da parte di Alfonso Signorini, rivolta all’ex corteggiatore di UeD: “Alessandro hai vinto tu o Belli. 1 a zero per te o per lui?”. Basciano: “10 a zero per me Alfonso senza ombra di dubbio”.