Cavaglià Giulia

Giulia Cavaglià: l’ex tronista parla del rapporto con Maria De Filippi

In occasione di un'intervista, Giulia Cavaglià svela quale rapporto aveva con Maria De Filippi

Senza alcuna ombra di dubbio Giulia Cavaglià è stata una delle concorrenti più amate e chiacchierate di Uomini e Donne. In occasione di un’intervista, l’ex tronista ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito a Maria De Filippi. Nel dettaglio, ha parlato del rapporto che aveva con la conduttrice. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Cavaglià Giulia

Maria De Filippi è una delle conduttrici più amate della televisione italiana. La moglie di Maurizio Costanzo è al timone della conduzione di Uomini e Donne da tanti anni. Nel corso di tutto questo tempo, la presentatrice non ha provato simpatia per tutti i tronisti.

Infatti, tra le persone con cui Maria De Filippi ha avuto un rapporto distaccato c’è Giulia Cavaglià. A raccontarlo è stato la stess ex concorrente di Uomini e Donne in occasione di un’intervista rilasciata a “Pipol Gossip”. Queste sono state le sue parole:

La persona che devo ringraziare per sempre sarà Maria De Filippi. Mi ha dato il tempo necessario per farmi conoscere dalla gente, per farmi capire e ottenere quello che oggi ho. Un giorno mi ha guardata negli occhi e mi ha detto: ‘A me tu non piacevi, non ti capivo. Ma solo il tempo mi ha fatto capire che la tua è solo una corazza. Ad oggi posso dire di averti compresa.

Giulia Cavaglià al Grande Fratello Vip?

Nel corso dei prossimi mesi, Giulia Cavaglià potrebbe apparire di nuovo nel piccolo schermo. Questa volta l’ex tronista potrebbe entrare a far parte del cast ufficiale della prossima edizione del Grande Fartello Vip.

Infatti, nel corso dell’intervista, la ragazza ha parlato anche della sua possibile partecipazione al programma condotto da Alfonso Signorini. Lei stessa ha affermato che entrerebbe volentieri nella casa più spiata d’Italia ma solo ad una condizione: senza il suo fidanzato Federico Chimirri:

Lo farei da sola. Più che altro perché per lui sarebbe una tortura, non voglio portarmelo in un posto in cui non si sentirebbe a suo agio. Io invece sarei adatta per quel contesto. Ammetto che lo scorso anno ci sono rimasta molto male per non essere entrata. Ero quasi davanti alla porta rossa, avevo affrontato i giorni di quarantena, mi ero preparata su tutto. Magari un giorno ci riuscirò.