Il dramma di Sharon Stone

Il dramma di Sharon Stone: “Ho perso 9 figli”

L'attrice Sharon Stone ha svelato un dettaglio molto intimo della sua vita, commentando il post di una rivista: ha avuto 9 aborti spontanei

Guardando la vita dei personaggi del mondo dello spettacolo, spesso pensiamo che sia perfetta. Ma anche i volti più noti hanno tanto dolore nelle lore vite, perché troppo spesso ciò che vediamo dietro uno schermo, non è del tutto reale. Recentemente, la famosissima attrice Sharon Stone ha condiviso dei dettagli molto intimi della sua vita, qualcosa che nessuno sapeva o poteva immaginare.

Il dramma di Sharon Stone

L’attrice ha perso 9 figli, a seguito di aborti spontanei. Lo ha rivelato commentando un post del magazine People, che parlava della ballerina Peta Murgatroyd, che ha perso un figlio a causa di un aborto.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da People Magazine (@people)

Credit: Instagram – Magazine People

Ha voluto inviare il suo sostegno alla donna, ma anche a tutte quelle che si sono ritrovate in una situazione simile e che ancora ne soffrono. Ha voluto sottolineare il fatto che non esistono cure offerte a queste mamme, che si ritrovano a dover affrontare tutto da sole.

Le parole dell’attrice Sharon Stone

Chiunque va incontro a quel tipo di perdita ha bisogno di compassione, empatia e cura. La salute e il benessere femminile sono stati lasciati all’ideologia maschile, che nel migliore dei casi è diventata trascurata, ignorante nei fatti e violentemente oppressiva.

Il dramma di Sharon Stone

Sharon Stone ha scoperto nel 2017 di essere affetta da una condizione genetica che purtroppo non le permette di portare avanti una gravidanza. Ha perso ben 9 bambini con un aborto spontaneo. Oggi, la star è mamma di tre figli adottivi, che ama con tutta se stessa: Roan, Laird e Quinn.

Il dramma di Sharon Stone

Ho perso nove figli per aborto spontaneo. Non è una cosa da poco, fisicamente o emotivamente, eppure ci viene fatto sentire che è qualcosa da sopportare da soli e segretamente con una sorta di senso di fallimento. Invece di ricevere la compassione, l’empatia e la guarigione tanto necessarie e di cui abbiamo tanto bisogno.