Berti Orietta

Orietta Berti, a quanto ammonta la sua pensione? Ecco la cifra

Con oltre 50 anni di carriera alle spalle, ecco quanto guadagna Orietta Berti

Senza alcuna ombra di dubbio Orietta Berti è una delle cantanti più amate e stimate nel mondo della musica. L’artista ha alle spalle oltre 50 anni di carriera. Ma a quanto ammonta la sua pensione? A rivelarlo è stata lei stessa in occasione di un’intervista. Scopriamo insieme la cifra.

Berti Orietta

La carriera di Orietta Berti è ricca di successi e soddisfazioni. Con oltre 50 anni di carriera alle spalle, oggi la donna è una delle voci più amate d’Italia. Nel corso delle sua vita ha collaborato con molti artisti musicali, come per esempio Mina, Mia Martini, Iva Zanicchi e Patty Pravo.

Ultimamente la donna è apparsa nel piccolo schermo grazie alla sua partecipazione al Festival di Sanremo, prima come concorrente e in seguito in qualità di conduttrice sulla nave da crociera. Inoltre ha ottenuto grande successo anche grazie al singolo “Mille” in collaborazione con Fedez e Achille Lauro. Ma quanto guadagna di pensione la cantante? Lei stessa lo ha rivelato in occasione di un’intervista. Queste sono state le sue parole:

Ho versato contributi per 50 anni ma ho una pensione di 900 euro. È mai possibile aver dato tanto e ritrovarsi con così poco in mano?

Dunque, stando alle sue dichiarazioni, la pensione che percepisce Orietta Berti risulta scarsa considerando i numerosi anni di carriera. Fortunatamente la donna si è presa cura dei suoi risparmi. Tuttavia, la cantante è ancora attiva nel mondo della Tv e continua ad arricchire di successi la sua carriera.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Orietta Berti (@bertiorietta)

Ma qual’è la ragione per cui l’artista percepisce una pensione così bassa? A riverarlo in tutta onestà è stata lei stessa. Infatti, all’inizio della sua carriera alcuni contributi non sono stati versati da chi di dovere:

Sono andati perduti quelli del 1965, quando ho cominciato a cantare professionalmente, fino a quelli dei primi Anni ’80. Quando facevi le serate quasi nessuno ti pagava i contributi, era la prassi.