Re Carlo

Re Carlo, il sovrano prende una drastica decisione: ecco quale cibo non potrà più essere consumato a palazzo

La notizia della decisione del sovrano sta facendo il giro del mondo

Nel corso delle ultime ore la famiglia reale inglese è tornata ad occupare le pagine dei principali giornali di cronaca rosa. Stando alle indiscrezioni emerse, pare che in questi giorni Re Carlo III abbia preso una drastica decisione. Il sovrano, infatti, con un atto formale ha vietato il consumo di un particolare tipo di cibo a Buckingham Palace. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Da oggi in poi in tutte le residenze della famiglia reale inglese non si potrà più consumare il pasto di un determinato cibo. Questa è la decisione del figlio della Regina Elisabetta il quale preso la sua decisione per motivi ambientalisti e animalisti.

Re Carlo, niente più fegato d’oca a tavola: la drastica decisione del sovrano

Stando a quanto emerso nel corso delle ultime ore, pare che il nuovo sovrano d’Inghilterra abbia vietato in tutte le residente della famiglia reale inglese il consumo del fegato d’oca‘. La richiesta è partita dal gruppo animalista ‘Peta’ e Carlo III, a cui da sempre stanno a cuore le battaglie animaliste e ambientaliste, ha appoggiato la richiesta dell’associazione.

Re Carlo

Quindi da oggi in poi a Buckingham Palace, nella dimora scozzese di Balmoral, in quella inglese di Sandringham, nel castello di Windsor e in quello di Hillsborough sarà vietato il consumo del fegato d’oca.

figlio regina elisabetta

Per chi non ne fosse a conoscenza, il fegato d’oca è un piatto tipico francese ottenuto somministrando alle oche un tipo di sostanza chimica che permette di far crescere velocemente il loro fegato. Il nuovo sovrano d’Inghilterra ha deciso che da oggi in poi, nei vari palazzi reali, non ci sarà più il consumo di questo pasto.

sovrano d'Inghilterra

In seguito a quanto deciso dal figlio della Regina Elisabetta, non sappiamo se nei prossimi giorni arriveranno altri divieti. Al momento sembra di no, anche se hanno chiesto al sovrano di usare pellicce di ermellino sintetiche durante la cerimonia di incoronazione che si terrà a maggio.