Tiziano ferro

Tiziano Ferro, guai con il Fisco: pignorati 9 milioni di euro

Il cantante ha perso la sua battaglia con il Fisco: ecco cosa sta succedendo

In queste ultime ore il nome di Tiziano Ferro sta tornando ad occupare le principali pagine di cronaca rosa. Stando alle ultime indiscrezioni, pare che lo scorso 15 luglio il Tribunale di Latina ha respinto il ricorso del cantante contro l’Agenzia delle Entrate. In questo modo il fisco potrà procedere al pignoramento di 9 milioni di euro.

Tiziano ferro

Tiziano Ferro ha perso la sua battaglia contro il fisco. Ricordiamo che il cantante italiano aveva chiesto la sospensione del procedimento a suo carico a copertura di Irpef, Iva e Irap non versate tra il 2006 e il 2008. La sua richiesta è stata però respinta dal Tribunale di Latina; il cantante, dunque, dovrà prepararsi al pignoramento di 9 milioni di euro da parte del fisco.

Queste sono le parole secondo cui il Tribunale di Latina non può accettare il ricorso presentato da Tiziano Ferro:

Il motivo di opposizione non è in grado di giustificare la sospensione dell’esecuzione presso terzi, in considerazione del principio secondo il quale alla proposizione dell’opposizione consegue la sanatoria del dedotto vizio di notificazione.

Tiziano ferro

Il fisco pignora a Tiziano Ferro 9 milioni di euro

Il rifiuto da parte del Tribunale di Latina del ricorso messo in atto da Tiziano Ferro ha fatto sì che il fisco pignorasse al cantante 9 milioni di euro. Inutile chiedere dunque la sospensione del pagamento e ora il cantante è costretto anche a pagare le spese legali della controparte.

cantante italiano

C’è da dire che Tiziano Ferro è da anni in lotta con il fisco. Pare che l’artista non avrebbe versato Irpef, Irap e Iva negli anni che vanno dal 2006 al 2008. Insieme ai suoi legali il cantante si è opposto al pignoramento ma gli sforzi degli avvocati affinché ciò non avvenisse si sono rivelati vani.

artista italiano

Queste sono state le parole del Tribunale di Latina per spiegare i motivi di questa decisione:

Non si ravvisano i presupposti per la sospensione del pignoramento e della procedura esecutiva in corso.