Morta Barbara Incerti

Barbara Incerti, 53enne di Reggio Emilia, morta nel Rally del Veneto

Barbara Incerti era la navigatrice della Peugeot 205 che ieri, durante la seconda tappa del Rally del Veneto, è uscita fuori strada

Una giornata tristissima quella di ieri per gli appassionati di Rally. Durante la seconda giornata della prima edizione del Rally del Veneto, un’auto in gara è uscita fuori strada e una donna, Barbara Incerti, 53enne di Reggio Emilia, ha perso tragicamente la vita. Era a bordo di una Peugeot 205 ed era la navigatrice dell’esperto pilota e compagno Nicola Cassinadri.

Morta Barbara Incerti

Un sabato di passione e di sport, che aveva entusiasmato tutti per la prima edizione del Rally del Veneto, che purtroppo si è trasformata in tragedia.

Ieri si stava svolgendo la seconda giornata della gara e la competizione era riservata alle auto storiche.

Una di queste, una Peugeot 205, è uscita fuori strada ed è precipitata in una scarpata. A bordo viaggiavano Barbara Incerti e Nicola Cassindri, rispettivamente navigatrice e pilota di 53 e 50 anni, entrambi di Reggio Emilia e uniti, oltre che dalla passione per le corse, anche nella vita. Era infatti compagni di vita.

L’incidente si è verificato a Badia Calavena e immediatamente sono arrivati i soccorritori del 118 a bordo delle ambulanze. Se per l’uomo, gravemente ferito, si è reso necessario un tempestivo trasferimento all’ospedale di Borgo Trento a Verona, per la donna purtroppo non c’è stato nulla da fare. Era deceduta sul colpo.

Chi era Barbara Incerti

Morta Barbara Incerti

La gara è stata subito sospesa e in poco tempo la notizia è arrivata nel paese della provincia di Reggio Emilia in cui Barbara Incerti viveva da sempre e lavorava.

Oltre alle corse, Barbara era impegnata con grande entusiasmo in tante diverse attività.

Gestiva infatti un forno, inaugurato dai genitori oltre 30 anni fa e frequentato da tanti suoi concittadini. Era inoltre volontaria presso la Croce Rossa Italiana, nella sezione di Casina.

Morta Barbara Incerti

Tutti la ricordano per la meravigliosa persona che era e per la solarità che sempre l’aveva contraddistinta. Come l’amico Andrea, che su Facebook scrive:

Sono quasi 30 anni che ti conosco e non c’è stato giorno che ti ho incontrato, in CRI o al forno, che tu non mi abbia accolto con un sorriso, quel sorriso che portavi come tutti i volontari a chi ha bisogno e a chi é in difficoltà! Ecco quello che sei Barbara, una persona vera sincera e sorridente! Ci mancherai tantissimo cara, fai buon viaggio, corri con gli angeli, sorridi a loro come sorridevi a tutti noi. Ciao Barbara.