Domenico Antonacci è morto

Bari, morto Domenico Antonacci: soffocato da una mozzarellina

Domenico Antonacci è morto a soli 12 anni, soffocato da una mozzarellina, che gli ha ostruito le vie respiratorie: i sanitari intervenuti ne hanno potuto dichiarare solamente il decesso

Un semplice pranzo di famiglia si è trasformato in tragedia. Domenico Antonacci, di soli 12 anni, è morto davanti agli occhi della mamma e della sorella, che non sono riuscite a fare nulla per salvargli la vita. I sanitari intervenuti ne hanno potuto dichiarare solamente il decesso.

Domenico Antonacci è morto

Il dramma è avvenuto a Noci, un comune il provincia di Bari, lo scorso lunedì 29 giugno. Il piccolo stava mangiando con i suoi familiari e tutto stava procedendo tranquillamente.

In base ad una prima ricostruzione delle forze dell’ordine, il bambino ha ingerito una mozzarellina intera, che era stata servita a tavola. Quando all’improvviso gli è andata di traverso.

Domenico Antonacci è morto

Il boccone per il piccolo Domenico Antonacci è risultato troppo grande e gli ha ostruito le vie respiratorie, fino a soffocarlo. La sorella ha cercato di salvarlo praticando la manovra di Heimlick, per liberare le vie aeree. Però ogni suo sforzo si è rivelato vano.

Sul posto sono arrivati i soccorritori del 118. Nonostante il loro tempestivo intervento, non hanno potuto fare nulla per salvare il dodicenne. Ne hanno potuto dichiarare solamente il decesso. Per lui era ormai troppo tardi.

I familiari sono distrutti per questa improvvisa perdita. Doveva essere solo un pranzo, ma in realtà si è trasformato in tragedia.

Domenico Antonacci è morto

Sull’episodio ora stanno indagando i carabinieri, che dopo aver informato il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Bari, stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Lo scorso 20 aprile a Monreale, anche un altro bambino di soli 3 anni, chiamato Agostino Mario, è morto soffocato. I genitori erano convinti che il loro piccolo stesse dormendo.

Domenico Antonacci è morto

Quando all’improvviso, intorno all’una di notte, il bimbo si è alzato ed è salito sul tavolo, perché voleva giocare, ma è scivolato sulla mensola ed è rimasto incastrato con il cordoncino della tenda, che lo ha strangolato. Sul posto è stato chiesto l’intervento urgente del 118, ma nonostante i disperati tentativi dei medici, per lui non c’è stato nulla da fare.