Domenico Cecere morto a soli 50 anni: il portiere stroncato da un infarto

L'ex portiere di Messina, Pescara e tante altre società si è spento a soli 50 anni per un infarto fulminante: addio a Domenico Cecere

Un lutto improvviso nella giornata di ieri ha sconvolto il mondo del calcio italiano. Domenico Cecere, ex portiere di Messina, Palermo, Pescara e altri noti club del paese, si è spento a soli 50 anni a causa di un infarto che non gli ha lasciato scampo.

Domenico Cecere

Nella giornata di ieri, domenica 2 aprile, si è diffusa una notizia che ha sconvolto il mondo del calcio italiano.

Domenico Cecere, conosciuto da tutti come Mimmo, si è spento improvvisamente a soli 50 anni.

Era a casa dei suoi genitori in Campania, quando è stato colto da un infarto fulminante che non gli ha lasciato scampo. In casa era presente anche suo cognato, un medico, che subito lo ha soccorso ma che non è riuscito a far nulla per evitare il peggio.

Vita e carriere di Domenico Cecere

Domenico Cecere

Nato a Caserta il 14 dicembre del 1972, Mimmo Cecere ha iniziato a giocare a calcio, nel ruolo di portiere, nelle giovanili del Napoli. Ha fatto parte anche della prima squadra del club partenopeo, seppur non giocando mai una partita ufficiale.

La sua carriera è stata un continuo spostarsi in diversi club, tutti molto prestigiosi a livello nazionale, e raccogliendo anche discreti risultati, come ad esempio la storica promozione con il Messina nel 2001 nello spareggio derby siciliano contro il Catania.

In quella partita compì una parata miracolosa proprio negli ultimi minuti, salvando il risultato e portando i suoi ad una promozione storica.

Domenico Cecere

Storica anche la promozione raggiunta con l’Avellino in serie B nel campionato del 2005. In finale playoff, in quel caso, aveva battuto insieme ai suoi compagni il Napoli.

Proprio con il Messina ha chiuso anche la sua carriera, 10 anni più tardi. Ieri, la tifoseria messinese ha appreso la notizia durante il match che la squadra stava disputando contro il Foggia e tutti lo hanno omaggiato con un coro.

Innumerevoli i messaggi di cordoglio arrivati sui social anche dalle altre società per cui Cecere ha giocato. Tra questi l’Avellino, il Pescara, la Fermana, Potenza e Siracusa.

Nel 2021 era finito anche in tribunale, dopo una denuncia per stalking. A seguito di diverse violazioni, il Giudice lo aveva condannato agli arresti domiciliari.