Fase 2 per i bambini: no ai campi estivi e ai giochi di gruppo

La fase 2 per i bambini sarà un ritorno alla normalità graduale: "non ci confondiamo, gli assembramenti non saranno consentiti, no campi estivi e no giochi di gruppo"

Il Governo e gli esperti stanno lavorando per poter avviare la fase 2, dopo il 4 maggio. Una graduale ripresa dell’Italia, per tornare alla vita normale. Ma se i genitori torneranno a lavorare e la scuola non riaprirà prima di settembre, come si farà con i bambini? Nei scorsi giorni, la Ministra per la Famiglia, Elena Bonetti, ha più volte esposto la sua proposta di nuove misure a sostegno delle famiglie e anche di un assegno straordinario per ogni figlio al di sotto dei 14 anni.

La Ministra ha parlato di una riapertura dei parchi, in collaborazione con i vari comuni, per prendere le dovute e necessarie precauzioni di distanziamento e igienico-sanitarie. Adesso però la notizia è ben diversa. Il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, ha detto no alla riapertura di centri estivi e ai giochi di gruppo tra bambini.

“Come si fa a garantire il distanziamento dei bambini in un campo estivo? C’è attenzione per i bambini, ci sarà nel prossimo decreto: l’orientamento, posso anticiparlo, è di un ritorno ad una forma di normalità. Non bisogna fare confusione, un conto sarà consentire loro di uscire e un conto sarà progettare centri estivi o un ritorno negli oratori nei mesi più caldi. L’assembramento e l’aggregazione non potranno essere in nessun caso consentiti”.

Questo dovrebbe voler dire che nemmeno i giochi di gruppo condominiali saranno consentiti.

Alla domanda di cosa succederà a settembre, l’esperto ha detto che non si può rispondere al momento, perché per per ora che si arriverà a settembre settembre, sarà passato più tempo. Basta solo guardare come l’onda di contagi sia scesa da febbraio ad oggi, quindi a suo dire, per ora che si arriverà a settembre, le speranze sono molte e il traguardo è sempre più vicino.

La Ministra per la Famiglia, sul suo profilo Facebook, promette che farà in modo, con tutte le precauzioni necessarie, di riaprire giardini pubblici dopo il 4 maggio.

I più piccoli hanno bisogno di attività motoria, gli adulti di uscire, i bambini di giocare. Bonetti vorrebbe rendere ciò possibile, grazie ad un controllo con l’aiuto di volontari, del flusso dei bambini all’interno dei parchi, garantendone il distanziamento sociale e disinfettando gli ambienti.

I bambini potrebbero essere anche costretti ad uscire indossando guanti e mascherine, ma questo non è stato ancora confermato dagli esperti.

La Ministra per la Famiglia ha intenzione di richiedere più congedi parentali e un assegno straordinario, perché sa bene che i genitori dovranno tornare a lavorare

Elena Bonetti continua con i suoi appelli, continua a chiedere la riapertura dei parchi e le misure a sostegno delle famiglie. Ora però, bisognerà aspettare il prossimo Decreto.

Giulia Carfora, di 27 anni, morta in un incidente stradale

Giulia Carfora, di 27 anni, morta in un incidente stradale

Brescia, ragazza di 15 anni uccisa per un colpo di fucile: è stato il fratello

Brescia, ragazza di 15 anni uccisa per un colpo di fucile: è stato il fratello

La scoperta dell'hostess

La scoperta dell'hostess

Lucrezia Di Prima trovata senza vita: il fratello ha confessato l'omicidio

Lucrezia Di Prima trovata senza vita: il fratello ha confessato l'omicidio

Arabia Saudita: tre italiani, tutti ballerini professionisti, morti in un incidente stradale

Arabia Saudita: tre italiani, tutti ballerini professionisti, morti in un incidente stradale

Ragusa, Carmelo Vicari muore a soli 26 anni: era papà di due bambini

Ragusa, Carmelo Vicari muore a soli 26 anni: era papà di due bambini

Delitto di Novi Ligure, Erika e Omar sono liberi

Delitto di Novi Ligure, Erika e Omar sono liberi