Chi è Izabella Nilsson Jarvandi, l’anti Greta Thunberg

Izabella Nilsson Jarvandi e da molti è considerata l'anti Greta Thunberg. Perché è sovranista e veicola messaggi opposti a quelli della 16enne connazionale.

Home > Attualità > Chi è Izabella Nilsson Jarvandi, l’anti Greta Thunberg

Dalla Svezia continuano ad arrivare giovanissime ragazze che cercano di cambiare il mondo. Conosciamo bene Greta Thunberg, l’attivista 16enne con Sindrome di Asperger che dice in faccia ai potenti del mondo che non stanno facendo nulla per rimediare ai cambiamenti climatici procurati dall’uomo e che rischiano di mettere a rischio la vita stessa sul pianeta. E poi c’è Izabella Nilsson Jarvandi, 15 anni, sempre svedese. Che da molti è considerata l’anti Greta!

Izabella Nilsson Jarvandi

Da un lato Greta, una ragazzina con le treccine che gira il mondo in treno e cerca di avere il minimo impatto su questa terra, spingendo altri ragazzi come lei a chiedere, paese per paese, di fare qualcosa per garantire un futuro alle giovani generazioni. Futuro messo a rischio dal climate change.

Dall’altro lato c’è Izabella Nilsson Jarvandi, l’opposto. In tutti i sensi. Izabella ha 15 anni e combatte contro l’ideologia gender e l’immigrazione. Lei si definisce come “una giovane attivista politica contro il globalismo, che cerca la verità e la giustizia per la mia amata Svezia“.

Ha i capelli lunghi, gli occhi scuri, ama vestirsi alla moda. Sui social è molto seguita da chi non ama le politiche liberali del suo paese che accoglie gli immigrati. E perché applaude la politica di chiusura del premier ungherese Viktor Orban.

Izabella Nilsson Jarvandi

La potremmo definire una sovranista. Combatte contro l’ideologia gender che sostiene che le differenze tra maschi e femmine derivano dall’educazione. Lei parla di “indottrinamento gender nelle scuole svedesi”, di “testi assurdi”. Odia gli intellettuali liberal di sinistra e l’ideologia del politically correct.

Izabella è figlia di immigrati iraniani. Di fatto è una immigrata di seconda generazione. E allora perché non si apre all’accoglienza di chi come la sua famiglia ha cercato in Svezia un nuovo luogo dove vivere?