Federica Cappelletti e gli ultimi attimi con suo marito

La moglie di Paolo Rossi racconta gli ultimi strazianti istanti prima della morte

Federica Cappelletti, moglie di Paolo Rossi, ha raccontato gli ultimi momenti di vita del campione del mondo

Un paese intero, il nostro, ancora sotto shock per la notizia arrivata ieri della prematura scomparsa di Paolo Rossi. L’attaccante della nazionale campione del mondo nel 1982, si è spento dopo una lunga battaglia contro un tumore ai polmoni che, alla fine, non gli ha lasciato scampo. Sua moglie, Federica Cappelletti, si è concessa ai media parlando degli ultimi momenti vissuti insieme a lui.

Federica Cappelletti e gli ultimi attimi con suo marito

Capelli raccolti e occhiali da sole scuri. Così è apparsa Federica Cappelletti all’uscita dell’ospedale Le Scotte di Siena, luogo in cui ha perso la vita suo marito, l’ex attaccante della Juventus e della nazionale italiana, Paolo Rossi.

Un idolo da giocatore e un esempio da seguire anche dopo che ha smesso di tirare i calci a quel pallone che tanto amava. Sempre sorridente, Rossi è stato il simbolo di milioni di italiani che, grazie ai suoi gol, avevano ritrovato l’orgoglio. Il mondo intero del calcio è in profondo lutto.

Credit video: Il Sole 24 Ore – YouTube

Pablito aveva 64 anni e lottava già da alcuni anni contro un tumore ai polmoni che alla fine lo ha sconfitto. L’ultimo intervento subito circa tre mesi fa, poi l’ultimo ricovero a Siena, città nella quale si è spento inesorabilmente.

Le parole di Federica Cappelletti

Federica Cappelletti e gli ultimi attimi con suo marito

Hanno trascorso gli ultimi 16 anni in simbiosi, Paolo e Federica. A coronare il loro amore sono anche nate due bellissime bambine, Maria Vittoria ed Elena Sofia, rispettivamente di 11 e 8 anni.

Intervistata dai giornalisti all’uscita dell’Ospedale di Siena, la Cappelletti ha raccontato gli ultimi istanti trascorsi al fianco dell’amore della sua vita.

Stava morendo ma non se ne voleva andare, non voleva arrendersi. L’ho abbracciato forte e gli ho sussurrato adesso vai, hai sofferto troppo. Staccati, lascia questo corpo e vai. Io crescerò le bambine e porterò avanti i nostri progetti. In quel momento si è addormentato…

Federica Cappelletti e gli ultimi attimi con suo marito

Nell’ultimo periodo, ha ammesso la donna, è riuscita a conoscere altre parti di lui che ancora non conosceva. La sua grandezza, continua la donna, era che riusciva a parlare a personalità importanti nello stesso modo con cui parlava con la gente al supermercato. Poi Federica ha detto che, d’accordo con il primo figlio di Paolo, lo farà cremare e lo terrà per sempre al suo fianco.

I funerali dell’eroe dell’Italia Mundial si terranno a Vicenza nella giornata di domani, 12 dicembre. Purtroppo la cerimonia sarà celebrata in forma privata, come previsto dalle norme anti contagio.

Mark Bryan è etero, sposato e ha dei figli e lavora come ingegnere robotico ma ama indossare gonne a tubino e tacchi alti: le foto

Mark Bryan è etero, sposato e ha dei figli e lavora come ingegnere robotico ma ama indossare gonne a tubino e tacchi alti: le foto

Tragedia, aereo precipitato poco dopo il decollo: morti 4 giocatori e il presidente di una squadra di calcio

Tragedia, aereo precipitato poco dopo il decollo: morti 4 giocatori e il presidente di una squadra di calcio

Carabinieri trovano il corpo di una 17enne gettato in un burrone: poco dopo la svolta

Carabinieri trovano il corpo di una 17enne gettato in un burrone: poco dopo la svolta

Tragedia, mamma di 25 anni inscena un incendio: gli inquirenti scoprono la verità su ciò che ha fatto ai suoi figli

Tragedia, mamma di 25 anni inscena un incendio: gli inquirenti scoprono la verità su ciò che ha fatto ai suoi figli

Lidia aveva 27 anni e si era appena laureata. Ha trovato la morte sulla Statale 89

Lidia aveva 27 anni e si era appena laureata. Ha trovato la morte sulla Statale 89

Arrivati i risultati dell'autopsia sul corpo dell'ex campione morto a 49 anni

Arrivati i risultati dell'autopsia sul corpo dell'ex campione morto a 49 anni

Ad un anno dalla morte di Kobe Bryant, Reggio Emilia, città che lo ha ospitato per molti anni, ha deciso di onorarlo in una maniera speciale

Ad un anno dalla morte di Kobe Bryant, Reggio Emilia, città che lo ha ospitato per molti anni, ha deciso di onorarlo in una maniera speciale