carcere martina

La nuova richiesta di Martina Patti dal carcere: ha chiesto di poter incontrare un prete

La nuova richiesta di Martina Patti dal carcere: prima aveva chiesto di poter avere i libri dell'università

Si trova chiusa nel carcere da più di 2 settimane Martina Patti, la mamma della piccola Elena Del Pozzo, la bimba di 4 anni uccisa dalla donna che l’ha messa al mondo. Gli inquirenti stanno portando avanti tutte le indagini del caso, per chiarire i punti oscuri della vicenda.

carcere martina

Ci sono ancora molte cose da capire. Dietro l’omicidio c’è la premeditazione o ha avuto l’aiuto da parte di altre persone?

Martina Patti si trova nella casa circondariale che è vicino al paese in cui viveva. Risulta essere in isolamento ed è controllata 24 ore su 24, poiché si teme che possa compiere un gesto estremo o che possa essere aggredita da altre detenute.

Appena arrivata, la 23enne, come prima cosa, ha chiesto se poteva avere i libri dell’università e soprattutto se si sarebbe potuta laureare. Aveva già preso una laurea in Scienze Motorie, ma negli ultimi tempi aveva deciso di frequentare anche l’indirizzo di Infermieristica.

carcere martina

Tuttavia, da ciò che è emerso nell’ultima puntata di Quarto Grado, uno degli inviati ha fatto una nuova scoperta. La donna ha anche chiesto un incontro con un prete. Non è chiaro il motivo di questa richiesta.

Martina Patti colpevole dell’omicidio della figlia

Gli inquirenti, durante l’interrogatorio, non hanno notato in lei segni di pentimento o di rimorso per quello che ha fatto. Inoltre, da quando è in arresto non ha mai chiesto della figlia.

La piccola Elena Del Pozzo è morta in seguito ad 11 coltellate, che la mamma le inflitto. Subito dopo, l’ha chiusa semi svestita in 5 sacchi neri ed ha nascosto il corpicino in una buca che è stata proprio lei stessa a scavare.

Non è chiaro se quest’ultima l’aveva preparata prima o se l’abbia fatto nel momento in cui era in quel campo abbandonato, a pochi metri dalla casa.

carcere martina

Martina Patti prima di confessare l’omicidio, ha fatto credere all’ex compagno, ai suoi familiari ed anche agli inquirenti, che 3 uomini armati avevano rapito la bimba all’uscita dall’asilo. Solo 24 ore dopo è crollata ed ha ammesso le sue colpe, portando gli agenti dove era sepolta la piccola.