La tragedia di Levy Caverley

Levy Caverley, di soli 18 anni, morto schiacciato dalla sabbia

La sabbia della buca è crollata seppellendolo vivo a diversi metri di profondità: Per Levy Caverley non c'è stato nulla da fare

Una tragedia devastante è accaduta nelle prime ore del pomeriggio di martedì 17 maggio, nel New Jersey, in America. Levy Caverley, un ragazzo di soli 18 anni, ha perso la vita mentre trascorreva una giornata in spiaggia con la sua famiglia. Il ragazzo è rimasto sepolto nella buca che stava scavando con la sorella sulla spiaggia tra East Bonita Way e East Penguin Way, nella città di Toms River.

La tragedia di Levy Caverley

Il popolo italiano, in particolare quello abruzzese, ieri è stato travolto da una notizia di cronaca drammatica. Un’auto parcheggiata all’esterno di un asilo nido a L’Aquila si è sfrenata ed ha finito la sua corsa nel cortile dove stavano giocando i bambini, travolgendone sei ed uccidendone uno, il piccolo Tommaso di soli 4 anni.

Anche il popolo statunitense, il giorno prima, quindi martedì 17 maggio, ha appreso con tristezza quanto accaduto nello Stato del New Jersey, più precisamente nella città di Toms River.

La famiglia Caverley, così come tante altre, approfittando del bel tempo aveva deciso di trascorrere una tranquilla giornata di mare, sulla spiaggia tra East Bonita Way e East Penguin Way.

I due figli, Levy di 18 anni e sua sorella minorenne, per giocare e passare tempo avevano iniziato a scavare una profonda buca nella sabbia, che nelle prima ore del pomeriggio aveva raggiunto una considerevole profondità di circa 3 metri. D’un tratto, però, è accaduto l’impensabile.

Per Levy Caverley non c’è stato nulla da fare

La tragedia di Levy Caverley

Mentre i due ragazzi continuavano a scavare con l’aiuto di due frisbee, improvvisamente la sabbia ha ceduto e gli è caduta addosso, seppellendoli completamente.

La scena è avvenuta sotto gli occhi dei familiari dei ragazzi e di tanti altri bagnanti presenti sulla spiaggia. Sono stati loro a scavare a mani nude nel tentativo estremo di tirarli fuori, prima dell’arrivo dei soccorritori.

La ragazza è stata estratta viva dopo qualche minuto. Tramortita e in difficoltà respiratorie, ma fuori pericolo.

La tragedia di Levy Caverley

Mentre per Levy Caverley, purtroppo, non c’è stato nulla da fare. Il suo corpo, ormai senza vita, è stato estratto dalla sabbia diverse ore dopo il crollo.

Per l’operazione erano giunte sulla spiaggia gli agenti di polizia, quelli della guardia costiera e i Vigili del Fuoco con un escavatore.