Mariana e il post su Facebook

Lo sfogo di Mariana sui social: la ragazza che ha denunciato la donna rom del caso di Denise Pipitone

Mariana Trotta, dopo la trasmissione Chi l'ha visto, ha voluto chiarire quello che è il suo pensiero su ciò che sta accadendo

Mariana Trotta è la ragazza che ha deciso di metterci la faccia e di denunciare un episodio che le è accaduto qualche anno fa e che potrebbe essere collegato alla sparizione di Denise Pipitone. La giovane si è lasciata intervistare dal programma televisivo Chi l’ha visto ed ha raccontato la sua storia.

Mariana e il post su Facebook

Dopo la grande attenzione mediatica, Mariana ha voluto chiarire quella che è la sua posizione, con un lungo post su Facebook. Dalle sue parole, si capisce che potrebbe aver ricevuto offese da parte di qualcuno, sul fatto che sia in cerca di visibilità o di soldi.

La giovane ha aperto il suo cuore ed ha voluto aiutare Piera Maggio a ritrovare la sua bambina, rapita 17 anni fa. E adesso è costretta a leggere cose che lei stessa ha definito “ignobili” e “non veritiere”.

Mariana ha raccontato a Chi l’ha visto di essersi recata a Parigi nel 2018, per conoscere la sua famiglia biologica. Da piccola è stata data in adozione da suo padre, cosa che è accaduta anche ai suoi fratelli. Ma grazie all’aiuto degli assistenti sociali e dei social network, è riuscita a scoprire le sue origini.

Mariana e il post su Facebook

Durante la sua permanenza a Parigi, si è recata in un campo rom, dove ha conosciuto una donna di nome Florina e sua figlia, una ragazza che aveva circa 17-18 anni. Lei è certa che quella donna rom sia la stessa filmata dalla guardia giurata. Così ha scelto di denunciare la cosa ai Carabinieri. Si è così aperta una nuova pista, che richiederà delle verifiche da parte degli inquirenti.

Lo sfogo di Mariana Trotta

Mariana Trotta ha però voluto chiarire su Facebook quelli che sono i suoi pensieri sulla grande attenzione mediatica che l’ha travolta nelle ultime ore:

Salve a tutti, in merito alle mie dichiarazioni a @chilhavistoraitre, mi sento in dovere di spendere qualche parola in merito alla questione e lo faccio nonostante ciò che mi porto dietro. Io personalmente appena ho riconosciuto la donna della foto pubblicata dalla guardia giurata @grieco.felice ho subito, di mia spontanea volontà dichiarato il tutto alle forze dell’ordine come giustamente andava fatto. Tengo a precisare che io ero TOTALMENTE CONTRARIA AD APPARIRE IN TV INIZIALMENTE ma alla fine ho accettato per via della grande fiducia e stima che ho nei confronti della dottoressa Chiara Cazzaniga.

Mariana e il post su Facebook

Dal momento in cui si è scatenato un forte caso mediatico in merito alla questione mi sento di aggiungere che io non sono abituata a questo tipo di cose e da un giorno all’altro mi sono ritrovata al centro della questione assumendomi tutte le dovute responsabilità.

Non ho mai detto che la ragazza avesse un accento italiano. Bensì che lo parlava vagamente e molto male, non ho mai affermato con certezza che la ragazza fosse #DenisePipitone perché non sta a me decretarlo come non sta a me indagare per cui chiedo comprensione e rispetto da parte di tutti. NON SEGUITEMI SUI SOCIAL perché il mio obiettivo non è questo, non fate sciacallaggio giornalistico perché non è giusto, non scrivete bugie negli articoli di cose che non ho mai affermato. Qualora non vogliate avere rispetto nei miei confronti almeno abbiate rispetto nei confronti di una famiglia che soffre da anni. In questi giorni ho ripetuto più volte CHE QUESTO NON È IL MONOPOLI, DOVE CHI PRIMA ARRIVA PRENDE SOLDI E TUTTO CIÒ CHE LEGGO È IGNOBILE.

La vicinanza a Piera Maggio

Alla fine del suo lungo post, la ragazza ha espresso la sua vicinanza a Piera Maggio. E la sua speranza che finalmente la storia di Denise Pipitone possa trovare il suo lieto fine.

Adesso bisognerà attendere i dovuti accertamenti e trovare la donna segnalata da Mariana. Sperando che possa davvero essere la rom filmata da Felice Grieco. La piccola Danas non è mai stata trovata e il dubbio che forse si trattava di Denise, è rimasto per 17 lunghi anni.

La gioia del papà del piccolo Nicola Tanturli, dopo il ritrovamento del bambino

La gioia del papà del piccolo Nicola Tanturli, dopo il ritrovamento del bambino

Tragedia a Cesena, il piccolo Diego Georgiev è morto a 2 anni: i genitori presentano un esposto

Tragedia a Cesena, il piccolo Diego Georgiev è morto a 2 anni: i genitori presentano un esposto

Ritrovamento Nicola Tanturli: le condizioni e il primo abbraccio con sua madre

Ritrovamento Nicola Tanturli: le condizioni e il primo abbraccio con sua madre

Ritrovameto Nicola Tanturli, la prima ricostruzione sul percorso

Ritrovameto Nicola Tanturli, la prima ricostruzione sul percorso

Firenze, scomparso il piccolo Nicola Tanturli: l'aggiornamento delle ricerche

Firenze, scomparso il piccolo Nicola Tanturli: l'aggiornamento delle ricerche

I dubbi sulla scomparsa del piccolo Nicola Tanturli: i punti oscuri della vicenda

I dubbi sulla scomparsa del piccolo Nicola Tanturli: i punti oscuri della vicenda

Funerale di Salvatore Ranieri: il nonno ha tentato di proteggere i fratellini uccisi

Funerale di Salvatore Ranieri: il nonno ha tentato di proteggere i fratellini uccisi