Lutto per Andrea Bocelli

Lutto per Andrea Bocelli: è morta la madre Edi Aringhieri

La notizia è stata pubblicata dallo staff sul profilo ufficiale del cantante Andrea Bocelli, è morta la madre Edi Aringhieri Bocelli

Grave lutto per Andrea Bocelli, è morta la madre Edi Aringhieri. La notizia è stata pubblicata dallo staff, sulla pagina ufficiale dell’artista.

Lutto per Andrea Bocelli

È con grande dispiacere che il nostro staff annuncia la scomparsa della signora Edi Aringhieri Bocelli, la mamma di Andrea. Mancherà moltissimo ai suoi cari a tutti noi. Ha lasciato la sua casa terrena dopo una vita lunga e straordinaria per raggiungere il suo amato marito, Sandro, in Paradiso. Tutti i nostri cuori sono con Andrea e Veronica, Alberto e Cinzia e l’intera famiglia Bocelli in questo momento.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Andrea Bocelli (@andreabocelliofficial)

Il commovente post è stato accompagnato da una foto della donna sorridente, mentre tiene tra le mani dei grappoli d’uva. Per tanti anni la mamma del cantante ha gestito insieme al defunto marito, Alessandro Bocelli, un’azienda agricola.

Lo staff ha poi chiesto a tutti coloro che hanno voglia di rendere omaggio alla madre di Andrea Bocelli, di fare una donazione a un’associazione di beneficenza.

Per quelli che sentono il desiderio di rendere omaggio alla memoria di Edi, ogni donazione alla Andrea Bocelli Foundation o a un altro ente benefico sarebbe un fiore, non reciso, ma vivo, per aiutare a celebrare la sua memoria, per la quale siamo grati.

Andrea Bocelli è uno dei cantanti italiani più conosciuti al mondo

È un tenore e cantante pop italiano, nato a Lajatico il 22 settembre del 1958. Il successo è arrivato nel 1993, quando ha cantato il duetto Miserere con Zucchero. Nel 1994 ha vinto Sanremo,, tra le Nuove Proposte, con Il mare calmo della sera.

Lutto per Andrea Bocelli

Bocelli è legato all’etichetta discografica Sugar Music e oggi è uno dei cantanti italiani più conosciuti al mondo.

Andrea è nato ipovedente a causa di un glaucoma congenito. all’età di 6 anni è entrato in un collegio a Reggio Emilia per studiare la lettura in Braille. All’età di 12 anni ha perso completamente la vista, dopo una pallonata agli occhi durante una partita di calcio.