Massimo Bossetti in carcere

Massimo Bossetti: “Non sono io il colpevole. Yara Gambirasio non ha ottenuto giustizia”

A dieci anni dall'omicidio Bossetti conferma la sua versione

Correva il 26 novembre 2010 quando Yara Gambirasio, giovane ginnasta 13enne di Brembate (Bergamo), fece perdere le tracce. La verità che si verrà a scoprire sarà agghiacciante, degna di un film horror, per cui il giudice ha dichiarato Massimo Bossetti colpevole. Oggi l’ex muratore è recluso in carcere, ma continua comunque a far sentire la propria voce, attraverso il suo legale Claudio Salvagni.

Massimo Bossetti non vuole uscire per un cavillo

Profilo Massimo Bossetti

L’avvocato ribadisce all’Adnkronos che Yara Gambirasio non ha ottenuto giustizia, il suo assistito è dietro le sbarre ma non è il responsabile. Massimo Bossetti non vuole uscire per un cavillo, vuole uscire perché la perizia sul Dna dimostra che non è un assassino.

Parole come se fossero un mantra

Bossetti primo piano

“Sono innocente”: queste parole Bossetti le ha da sempre ribadite, come se fossero un mantra. Le ha proferite ai Carabinieri che lo hanno arrestato; le ha ripetuto al pm Letizia Ruggeri che gli ha imputato di aver colpito la ragazzina e di averla lasciata morire nel campo di Chignolo, dopo una lunga agonia; le ha urlate nelle aule dei processi che lo hanno ogni volta riconosciuto colpevole; lo ha giurato ai tre figli e alla moglie Marisa.

E ora che sta scontando una condanna all’ergastolo, l’uomo mantiene immutata la propria versione. Nega in modo categorico di aver colpito la Gambirasio alla testa, di averle inflitto coltellate al collo, ai polsi e alla schiena.

Strano Dna

Massimo Bossetti si abbronza

Contro di lui c’è uno strano Dna – fa sapere Bossetti nelle confessioni affidate all’avvocato -, è ancora in attesa di prove concrete. La Corte d’assise di Bergamo lo ha ‘gelato’, prima avallando e poi negando la possibilità alla squadra difensiva di visionare i reperti, tra cui la traccia genetica e gli abiti della Gambirasio.

Massimo Bossetti: a gennaio la sentenza della Cassazione

Yara Gambirasio sorridente

A gennaio la Corte di Cassazione emanerà la sentenza sul ricorso presentato dai legali Paolo Camporini e Salvagni; qualora l’istanza trovasse accoglimento sarebbe consentito lavorare alla revisione del processo.

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Scopre la sua malattia grazie al dentista

Scopre la sua malattia grazie al dentista

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Commissione d'inchiesta sul caso Denise Pipitone: "Ringrazio tutti dal profondo del cuore"

Commissione d'inchiesta sul caso Denise Pipitone: "Ringrazio tutti dal profondo del cuore"

Amanda Knox su Rudy Guede libero: il duro sfogo sui social

Amanda Knox su Rudy Guede libero: il duro sfogo sui social

Tragedia a Camisano, neonato di 40 giorni trovato morto nel suo letto

Tragedia a Camisano, neonato di 40 giorni trovato morto nel suo letto