Mauro Bellugi e l'amputazione di entrambe le gambe

Mauro Bellugi e l’amputazione delle gambe dopo aver contratto il Coronavirus

L'ex difensore di Inter e Bologna, Mauro Bellugi ha subito l'amputazione degli arti inferiori

Una carriera calcistica di tutto rispetto, quella di Mauro Bellugi. L’ex difensore, infatti, ha vestito le prestigiose maglie di Inter, Bologna, Napoli e della nazionale italiana, prima di ritirarsi all’età di 31 anni, nel 1981. Lo scorso novembre aveva contratto il Coronavirus ed era stato ricoverato. Qualche giorno fa, a seguito di alcune complicanze dovute al virus, è stato necessario effettuargli un’amputazione di entrambe le gambe.

Mauro Bellugi e l'amputazione di entrambe le gambe

A raccontare la brutta esperienza ci ha pensato il diretto interessato, intervistato dal giornalista Luca Serafini in diretta sul sito altropensiero.net. Ha contratto il Covid-19 lo scorso Novembre e, a seguito di alcune complicazioni, alla fine è stato ricoverato in ospedale.

Mauro Bellugi e l'amputazione di entrambe le gambe
Credit: Inter Channel Tv

Il virus ha colpito profondamente l’ex stopper dell’Inter ed ha reso necessaria l’amputazione di entrambi gli arti inferiori, già gravemente affetti da importanti patologie pregresse. Da lì Mauro non si è lasciato abbattere, anzi, ha cercato di reagire con la stessa caparbietà che lo contraddistingueva quando era in campo.

Al giornalista ha detto che ha già scelto le protesi. Saranno uguali a quelle di Pistorius, così potrà superare tutti nei corridoi degli studi televisivi in cui lavora da opinionista da anni.

La carriera di Mauro Bellugi

Credit video: TheGreatOneInterist – YouTube

Mauro Bellugi è nato a Buonconvento, in provincia di Siena, il 7 febbraio del 1950. La società a scoprirlo fin da giovane e a lanciarlo nel mondo del calcio è stata l’Inter.

Dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili, Bellugi ha esordito in prima squadra nel 1969 ed ha indossato la casacca nerazzurra fino all’estate del 1974. Pur non essendo uno dei titolari inamovibili, compare comunque nella lista dei giocatori campioni d’Italia nella stagione 1970-1971. In cinque stagioni con la maglia dell’Inter, tra serie A e competizioni europee, Mauro ha totalizzato la bellezza di 90 presenze, siglando anche l’unica rete di tutta la sua carriera. La squadra a subire il gol fu il Borussia Monchengladbach, durante la Coppa Campioni del 1971.

Mauro Bellugi e l'amputazione di entrambe le gambe

A luglio del 1974 si trasferisce al Bologna ed è lì che raggiunge la forma migliore e l’apice della sua carriera, attirando l’attenzione su di se anche da parte degli osservatori della nazionale italiana.

Con la maglia azzurra partecipa da protagonista ai mondiali del 1974 e del 1978, condividendo lo spogliatoio anche con mostri sacri del calibro di Roberto Bettega, Fulvio Collovati e un giovanissimo Paolo Rossi.

Morte della piccola Antonella: la risposta del suo papà alle tante critiche e il racconto di quegli ultimi minuti nel bagno di casa

Morte della piccola Antonella: la risposta del suo papà alle tante critiche e il racconto di quegli ultimi minuti nel bagno di casa

Ad un anno dalla morte di Kobe Bryant, Reggio Emilia, città che lo ha ospitato per molti anni, ha deciso di onorarlo in una maniera speciale

Ad un anno dalla morte di Kobe Bryant, Reggio Emilia, città che lo ha ospitato per molti anni, ha deciso di onorarlo in una maniera speciale

Morte della piccola Antonella: le parole dei suoi genitori

Morte della piccola Antonella: le parole dei suoi genitori

A due settimane dall'accoltellamento, Joseph Capriati operato d'urgenza: cosa è successo e le condizioni del deejay

A due settimane dall'accoltellamento, Joseph Capriati operato d'urgenza: cosa è successo e le condizioni del deejay

Morte della piccola Antonella: interviene il Garante della Privacy. Ecco la decisione verso TikTok

Morte della piccola Antonella: interviene il Garante della Privacy. Ecco la decisione verso TikTok

Lutto nel mondo del cinema: l'amatissima attrice è morta lasciando i fan increduli

Lutto nel mondo del cinema: l'amatissima attrice è morta lasciando i fan increduli

Doloroso lutto per Wilma De Angelis: “Mi sento orfana”

Doloroso lutto per Wilma De Angelis: “Mi sento orfana”