Mini zone rosse per il Coronavirus

Mini zone rosse in caso di focolai. Nessun lockdown nazionale

In caso di aumento di contagi, potrebbero esserci solo delle mini zone rosse

Se i contagi aumentano, rischiamo nuovamente di far finire tutta l’Italia in lockdown come a marzo? Assolutamente no, questa secondo gli esperti è una tesi da scartare. Si potranno pensare delle mini zone rosse per poter arginare i focolai e fermare i nuovi contagi. Questo quello che potrebbe succedere in autunno.

Focolai di Coronavirus

In queste ore, il Ministero della Salute è al lavoro per delineare tutte le linee guida necessarie per la riapertura di tutte quelle attività rimaste ancora chiuse causa Coronavirus.

Come le università e le scuole, ad esempio. Ma insieme al governo si stanno anche studiando i possibili scenari che potrebbero presentarsi in autunno. Quando si teme una seconda ondata. E quando l’arrivo della classica influenza stagionale potrebbe mettere di nuovo a rischio il sistema sanitario nazionale.

Mascherine per proteggersi dai virus

In caso di aumento dei contagi da Covid-19 ci sarà nuovamente un lockdown generalizzato o si prenderanno altre strade? Una chiusura totale dell’Italia non è prevista.

Si pensa, invece, a piccole zone rosse, limitate ad alcune zone del nostro paese, dove sarà necessario chiudere tutto o quasi tutto, per fermare la diffusione del virus. Il governo esclude anche l’ipotesi di chiusura delle regioni e di spostamenti limitati tra le regioni.

Quando scatteranno le mini zone rosse

L’ipotesi più accertata è quella di creare delle zone rosse dove c’è bisogno.

Non solo quando il numero dei contagi inizia a preoccupare. Ma anche quando non si sia in grado di rintracciare il maggior numero di casi possibili e contatti, unica strada per evitare grandi focolai di Coronavirus. La chiusura riguarderebbe aree poco estese, come quartieri, piccoli paesi.

Mini zone rosse per il Coronavirus

Il Ministero della Salute sta procedendo a delineare linee guida per l’autunno con simulazioni e scenari probabili e possibili. Gli scenari sono essenzialmente quattro.

  • Primo scenario, la situazione rimane come oggi, con indici Rt regionali sopra la soglia di 1 per periodi limitati e riapertura delle scuole a cui segue un lieve aumento dei casi.
  • Secondo scenario, trasmissibilità sostenuta e diffusa ma gestibile, con valori Rt regionali tra 1 e 1,25 e difficoltà di tracciare nuovi focolai.
  • Terzo scenario, trasmissibilità sostenuta e ddifusa con un’incidenza elevata e sovraccarico del SSN.
  • Quarto scenario, sistuazione di trasmissibilità non controllata.

Anche con il quarto scenario, non si dovrebbe finire nuovamente in un lockdown generalizzato, ma solo con zone rosse di contenimento più ampie.

Marco Del Rosso: 30enne muore nel giorno del suo compleanno

Alessia Logli: la figlia di Roberta Ragusa vince un concorso di bellezza

Phillip Herron, padre single si toglie la vita perché solo 5 euro sul conto

Che fine ha fatto il comandante Francesco Schettino

Neonata di 5 mesi ricoverata per una grave ferita alla testa: è in pericolo

Coronavirus, medico positivo al test, ha fatto tre turni all'ospedale di Treviso

Omicidio Mario Cerciello Rega: la dichiarazione del medico legale sull'autopsia