Autopsia Sara Pegoraro

Morte Sara Pegoraro: arrivati i primi risultati dell’autopsia

Arrivati i primi risultati dell'autopsia di Sara Pegoraro, la modella di 26 anni morta a seguito di un'overdose. Indagata la psicologa

Arrivati i risultati dell’autopsia di Sara Pegoraro, la modella morta a seguito di un’overdose, poco dopo essere stata dimessa dall’ospedale.

Morte Sara Pegoraro

Secondo le prime notizie emerse, la 26enne è morta a causa dell’assunzione di un mix di droghe. A trovarla inerme nella sua abitazione, è stata la madre. Quest’ultima ha subito lanciato l’allarme ai soccorsi. Purtroppo nessuno ha potuto fare nulla per salvare la vita di Sara Pegoraro.

La tragedia è accaduta tra il 24 e il 25 giugno scorsi. L’autopsia è stata eseguita l’11 luglio dal patologo Antonello Cirnelli.

Morte Sara Pegoraro: indagata la psicologa

Gli inquirenti sono alla ricerca del pusher che ha venduto alla giovane la dose fatale. Stanno anche indagando la psicologa che ha visitato la modella e ha dato il via alle dimissioni, nonostante aveva già rischiato di togliersi la vita.

Tragedia Sara Pegoraro Treviso

Sara si era sentita male nei pressi di un supermercato ed era caduta in un fossato, sempre a causa dell’assunzione di droghe. Era stata ricoverata in ospedale, sottoposta alle cure necessarie e poi rimandata a casa. Una morte che forse si sarebbe potuta evitare? È questo che le forze dell’ordine stanno cercando di capire. La professionista, secondo le autorità, non sarebbe stata in grado di capire lo stato mentale della sua paziente.

Autopsia Sara Pegoraro

Nel frattempo, si attendono anche gli esisti degli esami ematici, che stabiliranno con esattezza le droghe assunte dalla giovane modella.

La madre, testimone di quella scena che mai dimenticherà, l’ha descritta come una ragazza sensibile, più sensibile di qualsiasi altro coetaneo. Purtroppo, la sua Sara combatteva contro i fantasmi e troppo spesso si faceva travolgere dalle delusioni, soprattutto lavorative.

Un’amica ha raccontato che poco prima della tragedia, le aveva mandato un messaggio con una richiesta di aiuto. Voleva farsi accompagnare al Sert.

Sembrerebbe che tra il mix di droga, ci sia anche l’eroina. Bisognerà attendere gli altri esami, per nuove informazioni sulla morte della 26enne.