morte paolo figna

Muore in un incidente, il fratello di Paolo Figna cerca il medico che lo ha soccorso casa per casa: il motivo

Paolo Figna aveva 28 anni, è rimasto coinvolto in un grave incidente: il fratello, dopo la tragedia, ha cercato il medico casa per casa

Paolo Figna ha perso la vita lo scorso venerdì, all’età di 28 anni. Il prossimo 26 ottobre ne avrebbe compiuti 29.

morte paolo figna

Si trovava per le strade di Verona, in sella alla sua moto, quando un uomo di 83 anni, alla guida di una Citroen C3, lo ha travolto. Dopo il volo, Paolo Figna si è schiantato contro un’altra vettura. Le condizioni riportate, sono subito risultate gravi. Un medico si è subito recato sul posto e ha cercato di rianimare a lungo il 28enne, con la speranza di salvargli la vita.

Nel frattempo, l’ambulanza ha raggiunto il punto del sinistro stradale. Nessun è riuscito a fare nulla. Inutili le manovre di primo soccorso effettuate dal primo medico e inutili tutti i tentativi degli operatori sanitari del 118. Poco dopo, è stato dichiarato il decesso del giovane.

morte paolo figna

Il fratello Pietro, quando ha appresso quanto accaduto e la dinamica dello scontro, si è subito messo alla ricerca di quel medico che aveva cercato di salvare Paolo.

Era della zona, così ha iniziato a suonare casa per casa, doveva trovarlo. Alla fine, è riuscito nel suo intento ed ha potuto ringraziarlo. Ecco il suo racconto al Corsera:

Mi ha detto che non ha sofferto, se n’è andato senza soffrire. Era il mio orgoglio.

morte paolo figna

Doveva dire grazie a quell’uomo che era subito intervenuto e aveva cercato di fare il possibile per salvare il fratello. Ora sa che non ha sofferto e che potrà correre libero nel cielo.

Come ha spiegato lo stesso familiare, Paolo aveva perso il lavoro e dopo un periodo di arrangiamento, tra un impiego e un altro, aveva finalmente trovato una stabilità. Aveva in progetto di iniziare una nuova vita con la sua fidanzata, di mettere su una famiglia. Quell’indimenticabile venerdì, era proprio da lei che stava andando. Fino all’arrivo di quella Citroen, che ha spezzato la sua vita per sempre.