tracce debora

Nuove scoperte dietro la morte di Debora Pagano, mamma 32enne trovata senza vita nel bagno di casa

Catania, grazie alle nuove scoperte degli agenti e del medico, il marito di Debora Pagano resta in carcere

Sono davvero tante le domande a cui gli inquirenti stanno cercando di trovare una risposta, dietro la morte così improvvisa e straziante di Debora Pagano. Il Giudice dell’udienza preliminare ha convalidato il fermo in carcere di Leonardo Fresta, poiché è l’unico indiziato per il suo omicidio.

tracce debora

La morte di questa giovane mamma è avvenuta nella giornata di venerdì 8 luglio, nella sua abitazione a Macchia di Giarre, in provincia di Catania.

Il marito prima di chiedere l’intervento dei sanitari, ha atteso 2 lunghi giorni. Li ha avvisati di quanto successo solo nella serata di venerdì 10 luglio. Inoltre, prima davanti ai sanitari, poi davanti agli agenti ed infine davanti al Giudice, ha dato tutte versioni differenti.

Il medico legale da un primo esame esterno sul corpo di Debora Pagano ha trovato diverse ecchimosi, una evidente frattura allo sterno ed alle costole. Tutti elementi che portano a credere che la sua morte non sia avvenuta per cause naturali.

tracce debora

Gli agenti dei Ris che hanno fatto il controllo nella casa della famiglia, tramite i Luminol, hanno anche trovato tracce ematiche.

Le forze dell’ordine al momento sono a lavoro per capire l’esatta causa che ha portato al decesso della donna, ma anche le sue ultime ore di vita. L’ipotesi più probabile per ora è che il marito, Leonardo Fresta, l’abbia uccisa.

Le indagini per la morte di Debora Pagano

La figlia della coppia di appena 7 anni, in quei giorni non era con i genitori, poiché era andata a passare il fine settimane a casa della nonna materna. Quest’ultima quando ha saputo che la figlia era ormai morta, ha avuto un malore.

Leonardo Fresta era già noto alle forze dell’ordine per un reato legato alla mafia. Era libero momentaneamente in attesa del secondo processo.

tracce debora

Gli agenti inoltre, stanno controllando i filmati di sorveglianza della zona ed ascoltando le versioni degli amici e parenti della giovane vittima. Ci saranno ulteriori aggiornamenti su questa triste vicenda.